Autore: Fiammetta Rubini

Valeria Fedeli - Scuola - MIUR - Maturità 2017 - Scuola secondaria di II grado

Maturità 2017: tracce scelte dal Miur e argomenti (probabili) di prima e seconda prova

Il ministro Valeria Fedeli ha scelto le tracce della prima prova e delle seconde prove degli Esami di Stato 2017. Ecco cosa aspettarsi.

La Maturità 2017 è alle porte e la scelta delle tracce da parte del ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli fa entrare nel vivo il toto-tracce di questi esami di Stato.

Si inizia il 21 giugno con la prima prova d’italiano, le cui tracce saranno uguali per tutti i maturandi. Seconda prova il 22 giugno, con latino al classico e matematica allo scientifico. Lunedì 26 giugno si aprirà la fase degli orali.

Ogni anno il dilemma dell’esame di Maturità ruota proprio intorno alle possibili tracce della prima prova, e non mancano le anticipazioni e le ipotesi su quali saranno gli argomenti del tema scelti dal Ministero. La prima e seconda prova degli esami incutono timore negli studenti visto che le tracce ufficiali non si conoscono prima dell’apertura delle buste il giorno dell’esame.

Il video con cui si dà notizia della scelta delle tracce da parte del ministro Fedeli fa parte proprio della campagna di comunicazione social del Miur dal titolo #No Panic.

Il capo della struttura tecnica degli Esami di Stato Francesco Branca ha così annunciato la scelta delle tracce di prima e seconde prove: “Le tracce sono belle e interessanti, coerenti con il percorso scolastico che avete svolto”, facendo l’in bocca al lupo a tutti i ragazzi e ragazze che a giugno sosterranno l’Esame di Stato.

Anche se il Miur non può rivelare di più, ecco quali sono le tracce per il tema di italiano che potrebbero uscire quest’anno e cosa ripassare per la prima e seconda prova.

Leggi anche Chi è Giorgio Caproni? Tutto sull’autore della prima prova

Maturità 2017, prima prova: tracce (probabili) tema italiano

La prova d’italiano dell’esame di Maturità 2017 è fissata per mercoledì 21 giugno alle ore 8.30. Gli esaminandi potranno scegliere tra 4 tipologie di tema: analisi del testo, saggio breve, tema storico, tema di attualità.

Per quanto riguarda gli autori più probabili per la tipologia A, si può escludere Calvino, Eco e Quasimodo che sono usciti negli ultimi 3 anni. I più quotati per la prima prova 2017 sono Pascoli, Pirandello (quest’anno cade il 150° dalla sua nascita), Ugo Foscolo e Umberto Saba, di cui ricorrono i 60 anni dalla morte. Si consiglia di ripassare anche Dante, uscito l’ultima volta nel 2007, Giacomo Leopardi, Giuseppe Verga e Gabriele D’Annunzio (quest’anno cade il 190° anniversario della sua morte).

Per quanto riguarda le tracce del tema d’attualità e del saggio breve si consiglia di prepararsi tenendo d’occhio le notizie sui fatti che accadono nel mondo e facendosi sempre un’opinione personale. Gli argomenti da tenere d’occhio quest’anno? Immigrazione e accoglienza, guerra, terrorismo, social network e nuove tecnologie, bullismo e referendum costituzionale.

Maturità 2017, seconda prova: autori (probabili) versione di latino

Al liceo classico quest’anno, per la felicità dei maturandi, è uscito latino. Chi sono gli autori classici da ripassare in vista della seconda prova? Nel corso degli anni gli scrittori più quotati sono stati Seneca e Cicerone, e uno di loro potrebbe uscire proprio quest’anno visto che non sono oggetto d’esame da un bel po’ di tempo. Ma i maturandi del 2017 potrebbero trovarsi davanti anche una versione di Cesare, Livio, Petronio, Gellio o Plinio Il Giovane.

L’autore della versione di latino all’esame di Maturità 2017 è un’incognita, ma se c’è qualcosa su cui gli studenti devono puntare il loro studio è la grammatica. Si consiglia di esercitarsi sulle strutture grammaticali che danno più problemi, come ad esempio periodo ipotetico, cum narrativo, infinitive e costruzione dei congiuntivi.

Maturità 2017, seconda prova matematica: cosa ripassare

Gli studenti dello scientifico saranno quale traccia di matematica esce alla Maturità 2017 solo il 22 giugno, data della seconda prova. Scampato l’incubo di fisica, i maturandi dovranno ripassare il programma di matematica affrontato durante l’ultimo anno.

La prova è composta da 10 quesiti e 2 problemi e bisognerà scegliere 5 domande e 1 problema a cui rispondere. Per svolgere la prova si hanno a disposizione 6 ore di tempo e si potrà consegnare dopo 3 ore. Gli argomenti di matematica che si consiglia di ripassare in vista della seconda prova sono equazioni e disequazioni, geometria e trigonometria (formule, funzioni e limiti, logaritmi, continuità e successioni), integrali, derivate e studi di funzione, analisi numerica, statistica descrittiva e calcolo combinatorio.

Il Miur ha chiarito che per la seconda prova nei licei scientifici si potranno utilizzare calcolatrici scientifiche e/o grafiche purché senza connessione wireless o da collegare alla rete elettrica. Chi vuole usare la calcolatrice durante la prova di matematica dovrà consegnarla alla commissione per i dovuti controlli preliminari.