Sergio Marchionne è morto: l’ex di Fca si è spento a Zurigo

Sergio Marchionne è morto a Zurigo dopo il ricovero avvenuto il 27 luglio a Zurigo, dove le sue condizioni di salute sembravano impossibili da recuperare.

Sergio Marchionne è morto a Zurigo, dopo qualche giorno di ricovero in un centro specializzato. Non sono ancora state rivelate le cause della morte dell’ex di Fca, ma nei prossimi giorni si avranno maggiori informazioni.
La notizia giunge in questi minuti, dopo giorni convulsi per la Fiat e la famiglia Elkann che è dovuta correre ai ripari scegliendo un nuovo Ad.

Non è ancora stata chiarita la causa del decesso e soprattutto delle complicazioni per la salute dell’ex numero uno di Fiat. In molti dicono i problemi siano iniziati con un’operazione alla spalla andata poi a intaccare l’aorta, ma non è chiaro il motivo dell’intervento. Secondo alcuni l’operazione sarebbe stata necessaria per alleviare i dolori dovuti al tumore ai polmoni, causato appunto dal vizio del fumo.

Marchionne aveva 66 anni e sin dai giorni scorsi era chiaro che il suo stato di salute sarebbe stato irreversibile. L’intervento alla spalla, che dovrebbe aver subito nei giorni scorsi, sembrerebbe essere la causa scatenante dei problemi, dal momento che potrebbero essere state riportate delle lesioni all’aorta.
I bollettini medici al riguardo non sono stati molto chiari e per il momento rimane ancora il dubbio su cosa abbia portato alla morte di Marchionne. La maggior parte delle ipotesi spiegano il tutto con un tumore ai polmoni , ma non si hanno notizie certe sulla questione e il bollettino medico rimane ancora un vero e proprio mistero.

Attendiamo le prossime ore per avere dettagli sulla causa scatenante del decesso e sul motivo che ha portato l’ex di Ferrari al coma irreversibile.