Autore: Luca D

Coronavirus

Coronavirus, due navi sono state bloccate a Napoli e nelle Filippine

Una nave proveniente da Genova è stata bloccata nel porto di Napoli. Due navi della Costa Crociere hanno dovuto modificare il loro itinerario a causa del divieto di entrata agli Italiani in Madagascar e nelle Filippine

Dopo aver registrato e confermato il primo caso di infezione anche nel Vaticano, il numero dei paesi colpiti dal coronavirus è salito a quota 91. La notizia è stata diffusa dal portavoce del Vaticano che ha specificato che i servizi ambulatoriali sono momentaneamente sospesi perchè si sta procedendo con la disinfezione di tutta l’area. Le autorità del Vaticano sono in contatto con quelle italiane per cercare di risolvere insieme il problema.

Il problema riguarda ormai tutto il mondo, la prevenzione e la prudenza divengono le uniche armi a nostra disposizione per cercare di frenare l’avanzata del coronavirus covid 19. Proprio per rispettare i principi di prevenzione e prudenza, nella mattinata di oggi, ben due navi sono state bloccate in due porti molto lontani tra loro. I passeggeri sono stati obbligati a rimanere a bordo, agli italiani è stato categoricamente vietato lo sbarco.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Trump accusa l’OMS di diffondere dati falsi

La situazione a Napoli

Una nave partita da Genova è stata fermata questa mattina alle porte del porto di Napoli. A bordo ci sarebbero 125 persone tra passeggeri, equipaggio e operai che erano saliti sulla nave per riparare alcune strutture danneggiate. Tra queste 125 persone, 9 hanno accusato dei sintomi influenzali riconducibili al coronavirus. Pertanto la nave è stata bloccata nel porto, i passeggeri sono stati obbligati a rimanere sulla nave e dei medici sono stati inviati a salire per eseguire test e tamponi. Solo dopo i risultati di questi tamponi verrà presa una decisione definitiva sul destino delle 125 persone per ora bloccate a bordo. Il piano prevede di evitare qualsiasi contatto tra le persone in modo che, una volta ottenuti i risultati dei tamponi, chi è sano possa lasciare la nave e chi invece è infetto possa esser trasferito in una struttura ad hoc in modo sicuro.

Una nave con 64 italiani a bordo è ferma nelle Filippine

Una nave da crociera Costa Fortuna è stata bloccata all’entrata del porto di Phuket, nelle Filippine. Stando a quanto riportato dalla compagnia stessa, a bordo ci sarebbero 64 italiani ma starebbero tutti bene, nessuno di loro avrebbe accusato particolari sintomi. Il problema, in questo caso, non è quello di avere persone a bordo che manifestano sintomi, ma quello di essere italiani. Le Filippine, infatti, hanno deciso di vietare l’ingresso a chiunque sia stato in Italia negli ultimi 14 giorni o, in alternativa, una quarantena obbligatoria della durata di due settimane. Di conseguenza l’itinerario della nave è stato modificato. Dopo alcune ore di stop, la situazione è stata chiarita e la nave si è diretta verso la Malesia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l’allarme per l’economia è reale: scostamento del deficit da 6,3 miliardi, come nel 2008 serve un grande piano di rilancio

Una seconda nave Costa non ha potuto attraccare in Madagascar

Una seconda nave Costa, la Costa Mediterranea, ha avuto problemi simili. L’itinerario prevedeva l’arrivo in Madagascar, ma il governo del posto ha vietato agli italiani di sbarcare su quest’ isola incontaminata. Anche in questo caso è stato modificato l’itinerario e, al posto di fare tappa in Madagascar, la nave si è diretta alle Seychelles.