Autore: Luigi Crescentini

Pensione

Bonus tredicesima pensioni 2020: ecco chi potrà riceverlo

Il bonus tredicesima sarà destinato a tutti i pensionati con reddito basso, titolari di pensione assistenziale, pensione indiretta e pensione di reversibilità.

Anche quest’anno sono in arrivo importanti cambiamenti per quanto riguarda gli assegni pensionistici relativi al prossimo mese di dicembre. Si tratta del bonus tredicesima, introdotto per integrare le pensioni più basse. Dunque, la cifra sarà riconosciuta a tutti coloro che percepiscono questo tipo di indennità e che rientrano entro certi limiti di reddito come stabilito dalla Legge di Bilancio del 2001. Il bonus, è per l’appunto, una maggiorazione della tredicesima mensilità riservata ai pensionati con un reddito basso titolari di specifiche pensioni.

Stando ai dati Istat di ricalcolo annuale, la cifra sarà pari a 154,94 euro destinati ai pensionati con un importo totale compreso tra i 6.596,47 e i 6.751,40 euro.

Bonus tredicesima: ecco a chi spetta e quali sono i requisiti per averne diritto

Innanzitutto il bonus tredicesima 2020 spetta soltanto ai pensionati che sono in possesso di determinati requisiti di legge e che sono titolari di pensioni specifiche. In particolar modo, il bonus tredicesima spetta, dunque, ai pensionati con reddito basso, titolari di prestazioni assistenziali, pensione indiretta e pensione di reversibilità.

C’è da considerare, però, che risultare titolari di questa tipologia di pensioni non dà necessariamente diritto al bonus tredicesima ma è un requisito importante per verificare sia l’importo della pensione che il reddito individuale o coniugale. Per tanto, è necessario verificare che l’importo totale della pensione percepita annualmente, non superi la soglia dei 6.751 euro.

Per quanto riguarda il reddito, quello individuale non deve superare i 10.003,70 euro annui mentre quello coniugale il limite massimo è di 20.007, 39 euro.
Per quanto riguarda i requisiti, come viene spiegato dal portale «the italiantimes», i pensionati, per avere accesso all’integrazione dell’assegno pensionistico, oltre che essere titolari delle pensioni sopraindicate, devono essere in possesso di determinati requisiti di reddito.

In specifico, il bonus tredicesima da 155 euro andrà ai pensionati con un reddito pensione fino a 6.669,13 euro mentre il bonus tredicesima parziale andrà ai pensionati con un reddito annuale compreso tra i 6.669 e i 6.824 euro.

Non spetterà invece a tutti i quelli che percepiscono: pensione di invalidità civile; pensione sociale; assegno sociale; pensione di vecchiaia e di invalidità della mutualità pensioni a favore delle casalinghe ; rendita facoltativa di vecchiaia; rendita facoltativa d’inabilitò; assegni di esodo e isopensione.

Bonus tredicesima: ecco quando arriva

Il bonus tredicesima 2020 e la tredicesima 2020 verranno accreditati dall’Inps insieme all’assegno pensionistico, pertanto agli inizi del mese di dicembre. Per quest’anno, secondo il calendario pagamenti pensioni Inps 2020, l’accredito avverrà il primo di dicembre 2020 sia per chi riceve l’assegno pensionistico su conto alle poste sia per quelli che lo ricevono su conto in banca.

Stando a quanto previsto dalle norme del bonus tredicesima, come è stato definito sin dall’inizio, anche per quest’anno non sarà necessario presentare alcuna domanda: l’integrazione dell’assegno verrà accreditata automaticamente dall’Inps a tutti quelli che ne hanno diritto.