Autore: B.A

Cina - Coronavirus

Wuhan è come Chernobyl, la Cina sapeva tutto del virus, lo dice Steve Bannon

Anche scienziati cinesi in fuga verso l’Occidente, queste le considerazioni dell’ex consigliere di Trump.

«Gli scienziati cinesi esperti di Covid-19 sono scappati in Occidente, Wuhan è una «Chernobyl biologica», così uno dei più fidati e storici consiglieri del Presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, fa un quadro terrificante della Cina. Si tratta di Steve Bannon, ex consigliere (chief strategist all’americana maniera) della Casa Bianca e consigliere fidato di Donald Trump.

Continua la querelle tra Usa e Cina quindi, con i primi che continuano a sospettare che la Cina abbia nascosto informazioni importanti sul coronavirus. Ed il riferimento di Bannon a Chernobyl e al disastro nucleare tra Ucraina e Bielorussia la dice tutta su come sia il pensiero statunitense sulla Cina.

Wuhan come Chernobyl e il Covid come la radioattività

Anche a Chernobyl le autorità sovietiche furono accusate di tenere nascoste informazioni importanti sul disastro nucleare, prima minimizzando l’accaduto e poi dando una versione che ancora oggi è poco chiara al Mondo intero. Adesso è la volta della Cina, con il coronavirus che si dice sua partito da un mercato degli animali a Wuhan, da un semplice pipistrello.

Wuhan, una delle più popolose metropoli cinesi, probabilmente passerà alla storia come il luogo del primo focolaio del coronavirus.
«Wuhan è una Chernobyl biologica e gran parte degli scienziati esperti di COVID-19 hanno abbandonato ormai da mesi il territorio cinese per trasferirsi in Occidente», così ha parlato Steve Bannon.

Scienziati cinesi che fuggono a Occidente, è senza dubbio un fatto clamoroso, se davvero le parole dell’ex consigliere di Trump trovassero conferma dopo la sua intervista al giornale britannico «Daily Mail».

APPROFONDISCI: Il coronavirus può diventare cronico, ecco come secondo ricercatori di Yale

Anche il partito comunista cinese dentro un possibile scandalo

Bannon evidentemente pensa che qualcosa la Cina abbia nascosto e che questa omertà sia alla base del fatto che il coronavirus sia diventato una pandemia. Secondo Bannon, alcuni tra i maggiori esperti virolgi cinesi, nel fuggire via dalla Cina, hanno affermato che ci sono delle prove sul coinvolgimento del Partito Comunista Cinese nella pandemia di coronavirus. Secondo l’ex consigliere di Trump, la fuga degli scienziati cinesi è avvenuta già a febbraio scorso.

Per Bannon, la Cina stava svolgendo degli esperimenti in laboratorio e il diffondersi del virus dovrebbe essere spiegato ufficialmente dalla Cina stessa. Ciò che ha detto Bannon segue di poche ore una confessione che un virologo cinese avrebbe fatto circa il fatto che la Cina era a conoscenza del virus mortale molto prima di quanto abbia ammesso.

In altri termini, la Cina ha taciuto molto sul virus, e per molti continua a nascondere la verità. Una posizione strana quella della Cina, con le sue autorità che quanto meno moralmente, avevano l’obbligo e il dovere di avvisare il Mondo in tempi più celeri e con notizie più dettagliate di quanto stesse accadendo.