Vaccino Covid per i giovani: in Grecia vale 150 euro

Vaccino Covid per i giovani: in Grecia vale 150 euro

Chi si vaccina dal 15 luglio riceverà un bonus

Ricevere il vaccino in Grecia per chi, tra i cittadini ellenici, ha tra i 18 ed i 25 anni assicura un benefit da 150 euro. La notizia suscita particolare curiosità, ma va verso quella che è una direzione abbastanza chiara.

Il riferimento va alla necessità di stimolare i giovani alla vaccinazione contro il Covid, sebbene per loro contrarre l’infezione generi scarsissime possibilità di generare una malattia importante.

La loro azione di possibili diffusori del virus, in ragione della vivacità di un’età in cui si viaggia e si socializza molto, rende davvero decisiva la loro vaccinazione.

150 euro per il vaccino Covid in Grecia, sarà un bonus

Non si tratterà di 150 euro che verranno versati sul conto o consegnati in mano a quanti prenoteranno la vaccinazione, ma di un bonus che potrà essere speso in varie attività.

La Grecia si è posta l’obiettivo di raggiungere un livello di immunizzazione della popolazione pari al 60% entro fine luglio. Per agevolare il raggiungimento del traguardo ha scelto di riservare un finanziamento di 141 milioni di euro indirizzato a chi, maggiorenne ed al di sotto dei venticinque anni, sceglierà di immunizzarsi a partire dal prossimo 15 luglio.

Un’iniziativa che somiglia ad altre viste in altre parti del mondo dove addirittura si offriva una birra ai giovani che si vaccinavano, ma che costituisce un intervento messo in campo direttamente dal governo. La cifra stanziata si pone l’obiettivo di gratificare le 940.000 persone che ricadono nella fascia d’età indicata.

Fredom card per i giovani che ricevono vaccino in Grecia

I giovani greci che sceglieranno di vaccinarsi dal 15 luglio avranno un portafoglio digitale dal quale poter esaurire la cifra indicata in alberghi, viaggi, mezzi di trasporto, musei e concerti. Il voucher in questione è stato ribattezzato freedom card. E sarà anche un modo di offrire il proprio ringraziamento a fasce anagrafiche che, di fatto, hanno dovuto rinunciare a lungo alla bellezza e alla peculiarità di quella fase della vita.

La Grecia resta un paese a forte vocazione turistica. Una vaccinazione che sia il più rapida possibile e portata a compimento su un’ampia fetta della popolazione equivale a rendere la meta oltremodo appetibile per quei turisti stranieri che, in vista dell’estate appena iniziata, stanno pensando di raggiungere le bellissime località greche.

Percentuali simili di vaccinati tra Italia e Grecia

Gli ellenici hanno da poco superato le otto milioni di somministrazioni, con poco più di 3,5 milioni di cittadini completamente immunizzati. Cinquanta milioni sono, invece, le dosi inoculate in Italia e diciotto milioni gli italiani che hanno completato il ciclo.

Più o meno, in Italia come in Grecia, c’è un cittadino su tre vaccinato. L’obiettivo è ovviamente proseguire e migliorare il dato fino ad un livello in la percentuale sia tale da rendere la situazione epidemiologica la più tranquilla possibile.