Autore: Marilyn Aghemo

Coronavirus

Vaccino Covid, la conferma di Sileri: «Slitta per gli over 80»

La situazione vaccino Covid potrebbe rientrare a regime dalla prossima settimana, ma Sileri conferma la sua grande preoccupazione in merito.

Vaccino Covid in prima linea con somministrazioni che si adeguano ad un ritardo su tutta la linea e la conferma di Sileri. Ecco le novità.

Le parole di Sileri

Il programma di somministrazione dei vaccini coronavirus hanno subito un rallentamento e uno slittamento dovuto a due mesi in totale di ritardo in Italia. Pfizer e AstraZeneca non sono riusciti a seguire la tabella di marcia comunicata in precedenza tanto da mandare la Unione Europea in crisi.

Non è solo una corsa contro il tempo per fermare la pandemia, ma anche per il timore di tutte le varianti che stanno emergendo in questo periodo: secondo i dati infatti sono molto veloci nel contagio e altamente mortali.

Il Vice Ministro della Salute Pierpaolo Sileri ha evidenziato che dalla prossima settimana si tornerà a regime, ma i tempi previsti per gli over 80 subiranno un ritardo di un mese circa.

Sileri ha messo nero su bianco - come riportato da TgCom24 - che tutte le dosi che sono oggi a disposizione dovranno essere utilizzate per il richiamo. Un richiamo che deve essere svolto in tempi previsti soprattutto per gli operatori sanitari che sono coloro che ne hanno estrema necessità.

È quindi ovvio che le 8,7 milioni di dosi di Pfizer garantite entro il primo trimestre non saranno sufficienti a coprire il fabbisogno. Da lunedì è prevista una consegna di 470mila dosi ma è ancora tutto da confermare. Non basteranno nemmeno quelle AstraZeneca con una prima consegna - a seguito conferma da parte dell’Ema - che saranno consegnate il 15 febbraio con una sottostima che arriva a 3,4 milioni di dosi.

Leggi anche: Covid, test sulla saliva scoperta Università di Yale

Entra in scena anche Moderna che da domani 26 gennaio prevede una consegna pari a 60 mila. Sileri ha confermato che: “Tra due settimane se tutt va bene avremo un mercato con tre vaccini, il che significa riprendere con maggior forza completando la vaccinazione per medici e infermieri, iniziando con gli over 80”

Un rallentamento che conduce tutti i Paesi membri dell’Europa a rivedere il piano di azione, sperando che i ritardi in futuro possano essere colmati.

Le parole del Ministro Boccia

Il Ministro Boccia è intervenuto sulla questione annosa dei vaccini Covid assicurando che per i richiami non ci sono problemi, infatti le dosi a disposizione serviranno per coprire questa parte di persone. Certo è anche consapevole che tutto il piano precedentemente messo a regime dovrà vedere uno stravolgimento.

Nella Regione Liguria l’obiettivo è di vaccinare tutti gli over 80 prima dei ponti estivi. Per questo motivo Sileri ha consigliato di mettere in atto un piano a livello europeo che possa dare autorizzazione nell’operare per conto di terzi: una sinergia che vedrebbe il lavoro di compagnia operative con quelle non impegnate nell’operazione delicata dei vaccini. Tutto questo, secono il viceministro della Salute, potrebbe essere molto utile per un futuro più certo. Leggi anche: Covid, Ricciardi: «Zona rossa per un mese, varianti pericolose»