Autore: Barbara Valentini

Benessere - Curiosità - Computer

3
Ott 2017

Troppe ore davanti allo schermo? Ecco 5 regole per proteggere gli occhi

Tante ore davanti a computer e smartphone possono affaticare gli occhi. Ecco 5 consigli e rimedi pratici per proteggere la vista.

Occhi stanchi, arrossati e con prurito. Ogni giorno siamo soggetti a quella che viene chiamata sindrome da computer; passiamo dallo schermo del monitor di lavoro a quello dello smartphone per chat e app.
La vita quotidiana ormai fin troppo tecnologica ci porta a non staccare mai dagli schermi che ci circondano, e gli occhi stanchi sono la diretta conseguenza di queste cattive abitudini.

Le 5 regole da seguire

  1. Mantenere la “distanza di sicurezza”: è sufficiente stare a circa 50/80 cm dallo schermo per mantenere la giusta distanza. È altrettanto necessario adottare un tavolo di appoggio ed una seduta ergonomici e comodi per lavorare diverse ore senza assumere posizioni scorrette.
  2. Distogliere lo sguardo: è consigliato distogliere lo sguardo ogni mezz’ora e fissare un oggetto lontano per diversi secondi. In questo modo si da la possibilità agli occhi di riprendere contatto con la realtà circostante e di allungare la vista tenendola allenata.
  3. Ricordati di “ammiccare”: altro rimedio utile è quello strizzare gli occhi di a mo’ di occhiolino, in questo modo si agevola la lacrimazione e si impedisce la secchezza.
  4. Non dimenticare le pause: Come prescrive la legge italiana (decreto legislativo 81/2008), bisogna fare un quarto d’ora di pausa ogni due ore per chi lavora al videoterminale. Distogliere lo sguardo dalla luce dei monitor farà bene ai nostri occhi, se per esempio si vuole leggere qualcosa meglio farlo sulla classica carta stampata.
  5. Proteggi con gli occhiali: Controlla periodicamente la vista e Usa occhiali o lenti a contatto appositi e prescritti dai medici oculisti per non affaticare troppo gli occhi.

Piccoli suggerimenti utili


Ci sono piccoli suggerimenti nel rapporto quotidiano tra i nostri occhi e gli schermi che possono aiutare ad affaticare meno la nostra vista.

  • La giusta distanza tra smartphone e viso, invece, deve essere di circa 60 centimetri.
  • La stanza va illuminata come il sole. L’illuminazione ambientale deve ricreare quanto più possibile quella naturale. Come la nostra luce del sole, l’ideale per le nostre stanze è ricevere una luce dall’alto riflessa da un soffitto chiaro. In questo modo non restamo abbagliati dalla luce circostante
  • La giusta distanza fra te e il tuo pc è quella del tuo braccio teso, così ci sarà spazio sufficiente per poggiare le braccia.
  • Siedi comodamente con schiena dritta, con spalle e collo rilassati, e fai esercizi di allungamento del tratto cervicale per rilassare il collo.

Il Dott. Andrea Giani, Medico Chirurgo specialista in Oftalmologia e Ricercatore presso l’Università degli Studi di Milano spiega:

“L’affaticamento visivo è dovuto ad un sovraccarico lavorativo dei muscoli del bulbo oculare e passare molte ore davanti al monitor del computer rappresenta spesso una causa frequente.. I sintomi sono diversi e possono essere di tipo visivo, neurologico e muscolo-scheletrico; non si presentano necessariamente tutti insieme e variano molto da persona a persona. Di solito chi ne soffre lamenta bruciore agli occhi, affaticamento della vista, mal di testa e dolori al collo dovuti alla posizione della testa per fissare il monitor”.

Rimedi naturali


La natura ci viene in soccorso quando abbiamo gli occhi stanchi e affaticati da monitor.
Per sgonfiare le palpebre gonfie sono utili impacchi delicati a base di cetrioli o tè nero. In alternativa, sono ottimi i colliri a base di camomilla, eufrasia o malva.