Autore: Martina Bianchi

1
Mag

Siamo a 2 minuti dalla fine del mondo: lo dice l’orologio dell’Apocalisse

L’orologio dell’Apocalisse ci avverte che siamo a 2 minuti dalla fine del mondo, vediamo di cosa si tratta e come funziona.

Il “Doomsday Clock”, che tradotto in italiano è “orologio dell’Apocalisse” è un orologio metaforico nato nel 1947 per misurare quanto l’umanità sia vicina alla fine del mondo. L’iniziativa nacque ad opera degli scienziati della rivista Bulletin of the Atomic Scientists dell’Università di Chicago.

Orologio dell’Apocalisse cos’è e come funziona

Creato nel 1947, in piena Guerra Fredda, l’orologio metaforico avrebbe dovuto destare allarme per il pericolo di un’ipotetica fine del mondo che si avvicinava. Alla sua creazione l’orologio è stato impostato a 7 minuti dalla mezzanotte, dove la mezzanotte, appunto, segna la fine del mondo ed in questi 72 anni le lancette si sono mosse soltanto 23 volte. Tra il 1991 e il 1995 l’orologio ha segnato la massima distanza dalla fine del mondo, ovvero 17 minuti.
Per 3 volte, invece, ha segnato la massima vicinanza dal pericolo: nel 1953, quando si sviluppo la bomba ad idrogeno e nel 2018.
Nel 2018, quindi, l’orologio segnava 2 minuti dalla mezzanotte, pericolo di una fine del mondo imminente. Mentre, però, fino al 2007 gli spostamenti delle lancette erano dovuti solo a eventi legati al nucleare, dal 2007 il pericolo viene ravvisato anche nei cambiamenti climatici.

Chi decide se muovere le lancette?

A muovere le lancette sono gli scienziati dello Science and Security Board del Bulletin of the Atomic Scientists ogni anno.
Vediamo quali sono stati gli spostamenti delle lancette nel corso degli anni:
nel 1947, data della sua creazione l’orologio fu impostato a 7 minuti dalla mezzanotte;
nel 1949, con il primo test nucleare della Russia, le lancette vengono spostate a 3 minuti dalla mezzanotte;
nel 1953, con lo sviluppo della bomba ad idrogeno, le lancette sono spostate a 2 minuti dalla mezzanotte;
nel 1960, con gli accordi diplomatici delle potenze per non entrare in conflitto, le lancette sono poste di nuovo a 7 minuti dalla mezzanotte;
nel 1963, viene siglato il trattato sulla messa al bando dei test nucleari e le lancette arrivano a 12 minuti dalla mezzanotte;
nel 1968 con l’intensificarsi della guerra del Vietnam le lancette scendono di nuovo a 7 minuti dalla mezzanotte;
nel 1969, con la firma del trattato di non proliferazione nucleare, le lancette risalgono a 10 minuti dalla mezzanotte;
nel 1972 con la firma dei trattati SALT e degli anti missili balistici le lancette salgono a 12 minuti dalla mezzanotte;
nel 1974 con il primo test nucleare dell’India le lancette scendono a 9 minuti dalla mezzanotte;
nel 1980 con l’interruzioni dei rapporti diplomatici USA URSS le lancette scendono a 7 minuti dalla mezzanotte;
nel 1981 con l’accrescimento della tensione mondiale le lancette vengono spostate a 4 minuti dalla mezzanotte;
nel 1984 con il boicottaggio da parte dell’URSS dei giochi olimpici di Los Angeles la tensione è ancora alta e le lancette scendono a 3 minuti dalla mezzanotte;
nel 1988 si apre il dialogo tra Reagan e Gorbacev e le lancette tornano a salire a 6 minuti dalla mezzanotte;
nel 1990 con la caduta del muro di Berlino le lancette salgono a 10 minuti dalla mezzanotte;
nel 1991 con lo scioglimento dell’URSS e la fine della Guerra Fredda le lancette salgono a 17 minuti dalla mezzanotte;
nel 1995 ci si rende conto che con la fine della Guerra Fredda la spesa militare non è ridotta e le lancette scendono a 14 minuti dalla mezzanotte;
nel 1998 con USA e Russia che mantengono 7000 testate nucleari le lancette scendono a 9 minuti dalla mezzanotte;
nel 2002 con gli USA che rifiutano i trattati sul controllo delle armi nucleari e con gli eventi dell’11 settembre le lancette scendono a 7 minuti dalla mezzanotte;
nel 2007, con troppe testate nucleari detenute da USA e Russia e e con i primi pericoli derivanti dai cambiamenti climatici del pianeta le lancette scendono a 5 minuti dalla mezzanotte;
nel 2010 con le prime collaborazioni tra USA e Russia l’orologio risale a 6 minuti dalla mezzanotte;
nel 2012 con la diminuzione della sicurezza sul nucleare e con l’aggravarsi dei mutamenti climatici, le lancette vengono spostate a 5 minuti dalla mezzanotte;
nel 2015 i rapidi cambiamenti climatici e la modernizzazione delle armi atomiche portano le lancette a 3 minuti dalla mezzanotte;
nel 2017 con le dichiarazione del neo eletto Donald Trump e la crescita dei nazionalismi le lancette si spostano a 2,5 minuti dalla mezzanotte;
nel 2018, infine, non riuscendo a contrastare i cambiamenti climatici e le minacce nucleari le lancette tornano al loro minimo storico, 2 minuti dalla mezzanotte.