Sanremo, Orietta Berti inseguita da tre volanti della polizia: “Non mi hanno riconosciuta”

Sanremo, Orietta Berti inseguita da tre volanti della polizia: “Non mi hanno riconosciuta”

Orietta Berti è stata ’inseguita’ dai poliziotti tra Bordighera e Sanremo. La cantante ha dichiarato che gli agenti non l’avrebbero riconosciuta perché indossava la mascherina.

Oggi inizia ufficialmente il Festival di Sanremo. In un Ariston senza pubblico, Amadeus e i cantanti giocheranno più che mai a favore di telecamera.

Orietta Berti, 77 anni e non sentirli

Domenica notte è successo un episodio che ha destato grande interesse tra gli spettatori di Sanremo. La protagonista suo malgrado è Orietta Berti, leggendaria cantante italiana, che ha raccontato tutto a “La Vita in Diretta”.

La Berti in settimana salirà sul palco per cantare “Quando ti sei innamorato”, un brano che racconta del grande amore tra lei e suo marito Osvaldo, compagno di una vita.

Questo Festival, comunque, per Orietta sarà accompagnato da un ricordo inusuale: l’inseguimento della Polizia. Al conduttore Alberto Matano la 77enne ha dichiarato di essere stata inseguita da ben tre auto della Polizia, che l’hanno anche fermata.

I controlli a Sanremo e dintorni

Il Comune di Sanremo, così come quello di Ventimiglia, sono in zona “arancione rinforzata” fino al 5 marzo e i controlli delle forze dell’ordine sono più serrati che mai, specialmente dopo le 22.00.

Domenica sera Orietta Berti si è recata da Bordighera all’Hotel Globo di Sanremo per ritirare gli abiti che indosserà all’Ariston. Erano le 22:05, dunque il coprifuoco era appena scattato. La cantante era in macchina e, notata dai poliziotti, è stata fermata.

“Mi hanno chiesto dove andassi, io ho spiegato che stavo andando a ritirare gli abiti, e loro ‘A quest’ora?’”. A quel punto i poliziotti hanno seguito la cantante fino all’Hotel Globo “perché non le credevano”. La Berti è convinta che gli agenti non l’abbiano riconosciuta per via della mascherina che indossava.

La 77enne canterà “Quando ti sei innamorato”, brano scritto da Francesco Boccia e Ciro Esposito. La dedica è per suo marito Osvaldo, con il quale sta insieme dall’adolescenza e che ritiene essere “il suo unico grande amore”, un sentimento che dura letteralmente per tutta la vita. Leggi anche: Sanremo 2021: il riassunto della prima serata. Ospiti, esibizioni e classifica cantanti