Autore: B.A

Scuola

28
Lug 2020

Rientro a Scuola, l’ultima bozza parla di obbligo mascherina per chiunque entri a scuola

Continuano ad emergere le ipotesi su come si ritornerà in classe a settembre, e adesso si ripensa a mascherine obbligatorie per chiunque entri nelle scuole.

Per il ritorno in classe potrebbe essere necessaria ed obbligatoria la mascherina. Questo è quello che si legge sul noto sito di informazione del comparto, “Orizzonescuola.it”. Infatti nell’ultima bozza del cosiddetto protocollo di sicurezza viene previsto che “è obbligatorio per chiunque entri negli ambienti scolastici, adottare precauzioni igieniche e l’utilizzo di DPI (mascherine)”. Ecco cosa altro ci sarebbe nella bozza del protocollo di sicurezza, in attesa che si passi al provvedimento definitivo.

A fine agosto attesa per la decisione di CTS

Come detto, in base a quanto si legge su «Orizzonte scuola», c’è una sorta di intesa, un protocollo che vede il Ministero dell’Istruzione e i sindacati probabilmente in accordo sulle misure atte a garantire l’avvio dell’anno scolastico, in estrema sicurezza. Al riguardo comunque occorre ricordare che solo a fine agosto il Comitato Tecnico Scientifico di esprimerà circa l’obbligo di utilizzo delle mascherine da parte degli studenti.

La parte delicata, quando si parla di mascherine nella scuola è proprio questa che riguarda gli studenti. Infatti per le mascherine devono essere valutate tutte le norme che devono rendere questi strumenti, adeguati all’attività svolta nel rispetto del rispetto psicofisico e delle diverse fasce di età.

La bozza del protocollo di intesa

Nella bozza si legge testualmente che: “Oltre alle disposizioni emanate dall’OMS e dal Ministero della Salute in considerazione delle diverse realtà scolastiche (asilo nido, scuola materna, scuole di primo e secondo grado), sarà necessaria la predisposizione di specifici regolamenti a cura del Dirigente scolastico. Il Dirigente scolastico deve indicare con comunicazione ufficiale il posto dove dismettere i dispositivi di protezione individuale non più utilizzabili, che dovranno essere smaltiti secondo le modalità previste dalla normativa vigente”. In altri termini, molto importante e piena di responsabilità la figura dei dirigenti scolastici.

Le linee di intervento devono essere messe ancora in atto

In linea generale i punti di studio per un rientro nella massima sicurezza tra i banchi a settembre, sono sempre gli stessi. Misurazione della temperatura ai docenti prima di entrare in classe, test sierologici su docenti e studenti a campione, medico in ogni scuola, sostegno psicologico per personale scolastico e studenti, regole per l’accesso agli spazi comuni e dispositivi di sicurezza. La materia è molto vasta e le decisioni sono ancora tutte da prendere, soprattutto occorrerà valutare bene gli sviluppi della pandemia da qui a settembre.

Dai banchi singoli con le rotelle, agli orari delle lezioni, oggi è tutto un susseguirsi di ipotesi e proposte, ma come dicevamo, occorrerà il parere del Comitato tecnico scientifico che non arriverà prima della fine del mese di agosto, probabilmente proprio per valutare al meglio tutte le eventuali problematiche e seguire la linea della pandemia, cioè se il trend dei contagi continuerà ad essere positivo o se ci sarà una risalita.