Autore: B.A

Riaperture scuole Francia: fanno impressione le immagini di bambini che giocano da soli in quadrati di gesso

In Francia hanno deciso per riaprire le scuole di infanzia, ma fanno impressione le foto dei bambini che giocano isolati in aree delimitate.

Le scuole e gli asili nido ai tempi del coronavirus in Italia sono chiusi e ci si chiede quando riapriranno. Soli in casa, senza la possibilità di uscire per settimane e settimane, i bambini sono stati probabilmente quelli più colpiti dall’emergenza coronavirus.

Privati di socializzare, di giocare con gli amichetti di sempre, di andare al parco giochi e anche di andare all’asilo o a scuola. Che l’emergenza epidemiologica abbia scombussolato la vita ai nostri piccoli è fuori discussione e il Ministro Azzolinaha già detto che per quest’anno scolastico è tutto finito, se ne riparlerà a settembre, sperando che non ci siano ritorni di fiamma del coronavirus.

Tutto rimandato a settembre, nuovo anno scolastico. Ci sono Stati europei però, che hanno deciso di riaprire alcune scuole. La Francia è uno di questi Paesi, ma alcune immagini dei bambini nelle scuole transalpine, fanno riflettere su cosa significhi portare i nostri piccoli a scuola, con le misure di contenimento dei contagi ancora in piena adozione.

Cosa accade dove le scuole sono state riaperte

Le immagini che hanno destato scalpore mettono in mostra bambini tra i tre e i quattro anni di età, che giocano da soli o in spazi in cortile delimitati da un gessetto bianco o strisce adesive da pavimento. Immagini dure della realtà, della scuola ai tempi del coronavirus, queste le immagini che provengono dalla vicina Francia, dove negli ultimi giorni si è deciso di far tornare i bambini in età infantile, all’asilo.

Anche la Francia è stata duramente colpita dal coronavirus, ma nelle riaperture di alcune attività, come l’Italia ha fatto oggi per bar, ristoranti, pizzerie, parrucchieri ed estetisti, la Francia ha deciso di riaprire anche gli asili. In tutto solo 1,5 milioni i bambini che hanno ripreso le loro attività scolastiche in Francia. Riaperture in sicurezza, con l’obbligo per i piccoli transalpini, di rimanere a distanza di sicurezza dai loro amichetti. E per questo si è scelto di delimitare le zone, autentici recinti delimitati da linee di gesso, entro cui i piccoli possono restare, senza avvicinarsi ai compagni di classe.

Immagini tristi che hanno fatto il giro del web

Immagini che mettono tristezza, quelle che provengono dalla cittadina di Tourcoing, piccolo comune al confine tra Francia e Belgio. Immagini che hanno fatto il giro del web dopo che un giornalista le ha postate su twitter rendendole di dominio pubblico. Immagini che fanno riflettere anche chi in Italia è a favore delle riaperture delle scuole anche se task force, esperti e scienziati sconsigliano caldamente questo anticipo. Dalla Francia è evidente che anche se riaperti, gli asili non sono certo quelli di prima del coronavirus. La normalità è ancora lontana e le immagini dei bambini francesi, costretti a stare in aree pre-delimitate, sono tristi.