Rapina davanti al bancomat finisce in tragedia vicino Lecce: ucciso uomo

Rapina davanti al bancomat finisce in tragedia vicino Lecce: ucciso uomo

Muore un sessantanovenne ex direttore di banca

Mancavano pochi minuti alla mezzanotte che avrebbero segnato il passaggio dal 16 al 17 luglio, ma quel momento è stato fatale per un sessantanovenne. Stava prelevando al bancomat, a Lequile in provincia di Lecce, quando il tentativo di reagire ad una rapina gli è costato la vita. Era un ex direttore di banca, adesso in pensione.

Omicidio vicino Lecce: cosa è accaduto

Stando a quelle che sono le ricostruzioni, la vittima sarebbe stata sorpresa alle spalle nel momento in cui si accingeva ad effettuare delle operazioni presso lo sportello automatico.

Sull’episodio indagano le forze dell’ordine che hanno acquisito le immagini delle telecamere di sicurezza presenti nella zona. A ferire mortalmente l’uomo deceduto sarebbero stati due colpi arrivati al torace. Gli esecutori del tentativo di rapina hanno agito a volto coperto. La scena si è sviluppata davanti agli occhi della moglie dell’uomo morto, che lo stava attendendo in auto. Sul luogo sono arrivati i soccorsi che, però, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

La zona, subito dopo l’arrivo delle Forze dell’Ordine, è stata ovviamente delimitata con del nastro per assicurare i dovuti rilievi del caso. La vicenda è adesso sotto la lente d’ingrandimento dei Carabinieri che stanno provvedendo a ricostruire ogni passaggio dell’accaduto per provare a risalire ai responsabili.

Rapina e omicidio Lequile, l’amarezza del Sindaco

Ulteriori dettagli sull’uomo che ha perso la vita sono emersi grazie alle dichiarazioni del Sindaco. Il primo cittadino Vincenzo Carlà ha parlato ai microfoni di LeccePrimaTv. «Era di Monteroni, era venuto - ha rivelato - a trovare dei parenti a Lequile. E poi.. la tragedia. Era venuto a prelevare qui al bancomat ed è stato aggredito da due individui».

Lequile è un comune di poco meno di 10.000 abitanti, distante circa 5 chilometri dal luogo di origine della vittima, comunità di poco meno di 15.000 abitanti. Due centri sicuramente scossi da una tragedia di cui nessuno avrebbe voluto sapere e che, invece, ha scosso tutto il Salento.

«Tutti noi - ha proseguito il Sindaco - pensavamo che questi episodi fossero ormai lontani. Invece purtroppo ancora accade. Domani verrà proclamato il lutto cittadino, però questo non può bastare ad attenuare la rabbia».

Da parte del primo cittadino è, inoltre, emerso l’auspicio che la più presto le indagini possano fare chiarezza sull’accaduto. Si attendono, adesso, evoluzioni relative allo sviluppo delle indagini, partite praticamente da subito dopo l’intervento dei Carabinieri.