Autore: B.A

Rc Auto

RCA: Come risparmiare con polizza familiare e legge Bersani

Risparmiare sulla polizza auto con vecchie e nuove norme.

Risparmiare sulla polizza RC Auto è una cosa che tutte le famiglie vorrebbero fare. A dimostrazione di tutto ciò, l’aumento esponenziale dei preventivi che sono stati prodotti in line alle compagnie di assicurazione che lavorano on line. Il risparmio è possibile, soprattutto alla luce della grande novità del 2020, la polizza RCA familiare. Questo prodotto, insieme alla legge Bersani, può davvero portare le famiglie a risparmiare sul premio delle assicurazioni dei veicoli del nucleo familiare. Ma quale via è la più conveniente? Vediamo di spiegare cosa si può fare, cosa si può ottenere e come fare.

Risparmi cercasi

La RC Auto familiare è una soluzione che permette alle famiglie che hanno più auto da assicurare alla RC, la polizza obbligatoria per legge, di risparmiare notevolmente.

Questa novità è nata a seguito di una modifica al Codice delle Strada, precisamente quella relativa all’articolo 134. La RCA familiare è una misura che potenzia quello che già prevedeva la legge Bersani, allargandone il campo di applicazione ed eliminando alcune clausole ostative.

Come con la Legge Bersani, chi aderisce alla RC Auto familiare eredita la migliore classe di merito di un familiare convivente, a prescindere da data di immatricolazione dell’auto o da tipologia di veicolo.

Sembra che a pochi mesi dal suo varo, la RCA familiare abbia riscosso un notevole successo. Un netto risparmio di spesa per le famiglie, risparmio nell’ordine del 58% medio per ciò che riguarda le auto e del 54% sulle moto.

TI POTRREBBE INTERESSARE: Dalla polizza RCA al CDP, quali documenti vanno portati in auto

RC Auto familiare meglio della legge Bersani

Per ottenere i benefici della RCA familiare, così come della legge Bersani, la proprietà del veicolo per cui si intende ottenere i benefici sul prezzo, deve appartenere a un componente della stessa famiglia. Il benefit si applica sia alle assicurazioni auto che moto e ad ogni membro della famiglia, in caso di acquisto di un veicolo nuovo o usato. Con la Bersani, la seconda auto otteneva la stessa classe di merito della prima, ma lo stesso non accadeva per esempio con la moto.

Infatti una delle differenze tra legge Bersani e RCA familiare sta nel fatto che la moto di un figlio residente con il parente, con la legge Bersani non poteva ottenere la classe più favorevole, mentre con la RCA familiare si, perché per ottenere il vantaggio non si collegano solo auto per auto e moto per moto.

La classe di merito si ottiene in sede di acquisto di una nuova polizza ma anche in caso di rinnovo. In altri termini, chi ha una polizza in classe 10 per esempio, il cui rinnovo annuale scade a settembre, se ha una prima auto del nucleo familiare in classe uno, può richiederne il collegamento ottenendo un nuovo contratto in classe uno.

Ricapitolando, ecco le condizioni per richiedere la RCA familiare

  • L’intestatario del veicolo da assicurare deve essere una persona fisica;
  • Proprietario del veicolo da assicurare e di quello da cui ereditare la CU devono coincidere o deve trattarsi di un familiare convivente;
  • La polizza da cui ereditare la classe di merito deve essere attiva;
  • La RCA familiare vale sui veicoli assicurati per la prima volta all’interno del nucleo familiare o quelli già assicurati al momento del rinnovo della polizza in scadenza;
  • Non si può usufruire di tutti ciò in presenza di sinistri nei 5 anni che precedono la richiesta di accesso al beneficio.