Quanto fattura ClioMakeUp: cifre da capogiro per l’influencer

Quanto fattura ClioMakeUp: cifre da capogiro per l'influencer

Clio Zammatteo, conosciuta da tutti come ClioMakeUp, ha dichiarato pubblicamente quanto ha fatturato la sua azienda nel 2020. Numeri importanti.

Sui social ha un seguito importante e proprio grazie alla popolarità in rete è riuscita a portare a casa risultati economici da capogiro. Stiamo parlando di Clio Zammatteo, conosciuta da tutti come Clio Make Up.

Le origini di Clio

La popolarità ha fatto in modo che la 38enne originaria di Belluno ottenesse la conduzione di un programma televisivo che porta il suo nome: Clio Back Home su Real Time, di sabato pomeriggio.

Il Fatto Quotidiano l’ha intervistata, ponendole domande sulla sua vita professionale e privata. Innanzitutto le è stato chiesto da dove sia nata la passione per il make-up che l’ha portata ad essere dov’è.

«Mi è sempre piaciuta l’arte, giocare con matite e tavolozze», premette. Successivamente spiega in dettaglio la svolta: «Poi ho scoperto che nel trucco c’è una cosa che si chiama texture. Ho capito che quella era la mia strada.»

Le cifre dell’azienda e la vita privata

Il successo sui social, però, non le ha impedito di mettere su famiglia: Clio Make Up ha due figlie e suo marito lavora con lei. Si autodefinisce «madre paziente ma molto rigida quando serve.»

Parlando di cifre, per la Zammatteo il 2020 è stato l’anno migliore di sempre. Il fatturato è di 10 milioni di euro. «I numeri in crescita sono una dimostrazione tangibile del lavoro mio e del mio team», afferma.

La beauty guru si autodefinisce anche “capo non capo”. «Forse sono più un’amica che altro. Il CEO dell’azienda è mia cognata Elena, a lei competono i compiti più rigorosi,» ammette.

E infine, sui presunti obblighi che una persona molto seguita come lei dovrebbe avere sui social: «Io non sono una di quelle che se non pubblica Storie poi si scusa. Le mie figlie vengono prima di tutto il resto: a volte capita che spenga il telefono e mi concentri su di loro. Non sento la necessità di postare una foto al giorno.»