Proteste a Rotterdam anti-lockdown diventano guerriglia: 7 feriti, Polizia costretta a spari d’avvertimento

Proteste a Rotterdam anti-lockdown diventano guerriglia: 7 feriti, Polizia costretta a spari d'avvertimento

Manifestazione contro restrizioni anti-Covid degenera in violenza: almeno 20 arresti

È una dura protesta contro le restrizioni anti-Covid quella che si è sviluppata per le strade di Rotterdam. Un corteo che, secondo quanto riportano le diverse fonti, avrebbe dovuto essere pacifico è invece diventato qualcosa di diverso. E il giorno dopo, non a caso, si parla di danni, feriti ed arrestati, oltre al dibattito sulle azioni di contenimento praticate dalla Polizia.

Perché la protesta di Rotterdam?

L’azione di protesta aveva la funzione di diventare testimonianza del dissenso nei confronti delle misure del governo olandese per fronteggiare la nuova avanzata del Covid. Sono state, infatti, disposte tre settimane di lockdown parziale con la chiusura anticipata alle 18 di negozi non essenziali, lo stop dalle 20 a bar e ristoranti, smart working e tutta una serie di norme affini.

Proteste a Rotterdam, un migliaio di partecipanti

Si ipotizza fossero più di un migliaio i partecipanti ad una manifestazione in cui si inneggiava alla «libertà». Le immagini provenienti dalla città olandese hanno mostrato scene in cui auto e moto sono stati dati alle fiamme. La Polizia è intervenuta sparando dei colpi in aria e utilizzando degli idranti con l’obiettivo di fermare coloro i quali stavano avendo una condotta più violenta.

Proteste Rotterdam, almeno sette feriti

Nella serata di venerdì si parlava di due feriti, il bilancio è stato però aggiornato dalle informazioni riferite nella mattinata di sabato dalle notizie riportate dall’agenzia olandese Nos. Il conteggio è salito ad almeno sette persone bisognose di cure sanitarie, mentre il fatto che la Polizia abbia aperto il fuoco nell’ambito di una manifestazione sarà oggetto di indagini da parte degli enti nazionali preposti ad indagare sull’accaduto.

Proteste Rotterdam, cosa dicono le comunicazioni ufficiali

Alle 21.27, sul profilo Twitter ufficiale della Polizia, è stato confermato che le forze dell’ordine hanno "sparato diversi colpi (di avvertimento).”

Alle 22.33, sempre secondo le comunicazioni provenienti dai canali ufficiali delle forze dell’ordine olandesi, è emersa la notizia secondo cui c’erano "feriti legati ai colpi sparati.”

All’1 del mattino la Polizia ha comunicato che tra i sette feriti ci sono anche dei poliziotti e che, in quel momento, si poteva dire poco sulla gravità delle lesioni riportate.

Violenza contro le forze dell’ordine

Una tra le ricostruzioni emerse della situazione parla del fatto che i manifestanti avrebbero attaccato le forze dell’ordine con petardi e pietre, con auto della Polizia incendiate. Questo potrebbe avere messo all’angolo gli esponenti della forza pubblica, inducendoli ad agire con azioni di forza che sono state duramente criticate sui social media olandesi.

Il giorno dopo a Rotterdam è, però, l’occasione per assistere quasi ad uno scenario di guerra. Tra automezzi incendiati, biciclette e scooter date alle fiamme e detriti di ogni genere presenti in strada sono risultati evidenti le tracce della guerriglia urbana di venerdì sera. Le indagini da parte delle autorità olandesi sono destinate a proseguire per accertare ulteriori responsabili.