Autore: B.A

Coronavirus

Prima le sale slot e poi i bar? Queste le ipotesi sulle riaperture! Ecco quando

Summit governo scienziati: riapriranno prima sale slot e lotterie, poi i bar? Quando si potrà uscire di casa?

Sembra che si inizi a delineare un po’ di luce dalla fase emergenziale che sta attanagliando l’Italia. Vietato allentare la guardia e meglio smorzare i facili entusiasmi, ma i numeri dei contagi, dei ricoverati e delle persone in terapia intensiva sembrano volgere al meglio. Lo ha detto anche il Ministro della salute Roberto Speranza, che ha sottolineato come si è scesi sotto il livello uno come contagiosità del virus, nel senso che prima ogni infetto contagiata da 3 a 4 persone e adesso sotto una.

Ripetiamo, vietato illudersi, il virus non è sconfitto, ma qualcosa di positivo si intravede. Tenere le persone a casa ogni giorno che passa, diventa sempre più difficile, e lo dimostrano le tante multe e sanzioni che le Forze dell’Ordine comminano ogni giorno in tutta Italia. Ieri in video conferenza si è tenuto un summit tra governo e comitato scientifico. Conte lo ripete da tempo, le riaperture delle attività e l’allentamento delle strette sui divieti a cui sono sottoposti gli italiani, verranno stabiliti solo se gli scienziati diranno di si, nel senso che è il comitato scientifico con le sue evidenze a decretare se sia o meno il caso di allentare la stretta.

E iniziano a trapelare le prime ipotesi per quanto riguarda la cosiddetta fase 2, cioè la seconda fase delle limitazioni da introdurre nel momento in cui il contagio vada calando. Ipotesi dicevamo, perché distanziamento di sicurezza, mascherine e divieto di assembramento saranno cose che difficilmente verranno cancellate nell’immediato futuro. Quando si potrà uscire? E poi, quando riapriranno i bar? alzi la mana chi non si pone queste ed altri tipi di domanda. Vediamo adesso di approfondire meglio in base a cosa è emerso ieri nel summit tra governo e comunità scientifica.

Quando la fase 2?

“Fase 2” per tabaccai, sale scommesse, sale bingo, sale slot/vlt dal 4 maggio, questo ciò che sottolinea il sito “Agimeg.it” in relazione all’esito del summit di ieri in cui il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte ha sentito i rappresentanti del comitato scientifico. In estrema sintesi, il sito Agimeg sottolinea come l’indirizzo sia quello di una riapertura iniziale dei giochi come lotto, superenalotto, lotterie e addirittura slot machine, con la riapertura dei bar scollegata da quella delle attività di gioco.

Certo, non si potranno riaprire le lotterie già nel prossimo decreto, quello che deve stabilire il proseguo delle limitazioni, visto che il 13 aprile scadono le prescrizioni oggi vigenti. Il settore dei giochi non farà ovviamente parte della lista delle prime aperture previste per il 14 aprile, perché occorre prudenza e gradualità. Il Presidente Conte in vista della scadenza del 13 aprile, avrà summit con i rappresentanti delle imprese, con le parti sociali e con i governatori delle Regioni.

Obbiettivo, verificare il da farsi, elargire nuove istruzioni e rendere edotti tutti delle nuove evidenze scientifiche relative alla pandemia da coronavirus. SI ipotizza di allargare il numero delle attività consentite, estendendo le aperture anche alle attività connesse alle filiere alimentare, alla filiera farmaceutica, sanitaria e a quella agricoltura. Possibile via libera anche per le aziende meccaniche.

Naturalmente tutte attività che una volta riaperte devono seguire attentamente le istruzioni ed i protocolli di sicurezza. Entro venerdì 10 aprile, il Presidente Conte dovrebbe aver concluso gli incontri per poi procedere al nuovo decreto che dovrebbe fare capolino nella giornata di sabato. Riaperture quindi a partire dal giorno successivo al lunedì di Pasqua.

Quando si potrà uscire e spostarsi?

Una cosa è certa, per riprendere a spostarsi e ad uscire di casa, anche se con distanziamento di sicurezza e mascherine, ma più liberamente di adesso, occorrerà ancora pazienza. Bisognerà attendere almeno l’inizio di maggio, perché sembra che il nuovo decreto fisserà una nuova dead line proprio al 1° maggio. Nella riunione di ieri tra governo e scienziati, sono stati messi alcuni punti fermi, in primo luogo le misure di distanziamento di sicurezza. Si ipotizza di un primo ritorno alla vita, non normale, ma più libera potrebbe scattare il 4 maggio, il lunedì dopo il ponte del 1° maggio, reputato ancora pericoloso in quanto gli italiani sono abituati ad uscire e spostarsi proprio in occasione dei ponti. Si ipotizza che proprio dopo il ponte della festa dei lavoratori, potrebbero ripartire i giochi in Italia.

LEGGI ANCHE: Coronavirus e Buoni Spesa: ecco come ottenerli a Milano, Roma, Napoli, Bari e Parlermo

Si ipotizza una apertura graduale e differenziata da regione a regione

I primi giochi a ripartire dovrebbero essere Lotto e SuperEnalotto, anche perché i tabaccai sono aperti anche oggi, essendo una delle attività che il decreto vigente ha sancito come essenziali. Dopo il ponte del 1° maggio i due concorsi potrebbero essere i primi a ripartire, sempre però mantenendo nei tabaccai, le linee del distanziamento di sicurezza.

Con le stesse regole di sicurezza della distanza sociale, subito dopo potrebbero aprire le sale scommesse, con divieto di permanenza nella sale in base ai metri ed ai terminali disponibili. Successivamente sarà la volta delle sale Bingo e delle sale slot/vlt, naturalmente da adeguare alle normative del distanziamento sociale. Sui bar c’è ancora un punto interrogativo, soprattutto per qui bar che hanno anche le macchinette per intrattenimento.

Probabile che si decida di riaprire i bar in seguito, per bere il caffè ma non per sedersi e giocare alle slot machine che resterebbero obbligatoriamente spente. Comunque l’attività dei bar e scollegata da quelle delle imprese di gioco. I mancati introiti da sale scommesse, bingo, slot, lotterie e così via, sono stati un grosso danno per le casse dello Stato. Il gioco è tra i pochi settori che garantiscono allo Stato ingenti e soprattutto rapide entrate.