Autore: B.A

Pensione

Pensioni: quattordicesima da restituire per molti pensionati, da ottobre via ai recuperi da parte dell’Inps

Inizia con il rateo di ottobre l’operazione restituzione della quattordicesima per i pensionati che la hanno percepita ma senza averne diritto.

Ancora una cattiva notizia per i pensionati italiani. L’Inps a partire dalla pensione di ottobre, che molti pensionati stanno incassando in questi giorni, inizierà ad applicare i tagli relativi alla restituzione della quattordicesima a cui molti pensionati saranno chiamati ad ottemperare. L’Inps si riprende la quattordicesima, così titolano diversi organi di stampa e diversi siti Internet. In altri termini l’Inps dopo averle erogate sulle pensioni di luglio 2017 e luglio 2018, adesso chiede la restituzione a quei pensionati che non ne avevano diritto.

Inps, via al recupero delle quattordicesime pensioni del 2017 e 2018

L’Inps a far data dal mese di ottobre, procederà al recupero della quattordicesima nei confronti di tutti quei pensionati che non ne avevano diritto ma che la hanno percepita lo stesso. Tutto dipende dalle operazioni di verifica che l’Inps ha avviato e che sono arrivate alla conclusione. E sono gli anni 2017 e 2018 quelli interessati da questa situazione, con molti pensionati che magari per redditi troppo elevati emersi dopo i controlli, adesso si troveranno a dover dare indietro all’Istituto Previdenziale quanto percepito in entrambi gli anni sotto osservazione, come quattordicesima.

L’Inps può recuperare le quattordicesime erogate per errore, la misura è provvisoria

L’Inps eroga la quattordicesima mensilità ogni luglio a pensionati con redditi fino a 1.000 euro. Gli importi delle quattordicesime sono variabili in base a due fasce reddituali e in base ai contributi versati nella carriera lavorativa. Ma la quattordicesima è una prestazione che l’Inps eroga non in via definitiva, ma in via provvisoria.

Questo è confermato anche dalle lettere che l’Istituto invia a casa dei pensionati preannunciando l’arrivo della mensilità aggiuntiva. “La prestazione è erogata in via provvisoria”, questa la dicitura inserita dall’Inps sulle missive mandate ai pensionati. Una provvisorietà che dipende proprio dal fatto che l’Inps prima eroga e poi controlla. E se dai controlli risulta che i pensionati hanno percepito più del dovuto, o che hanno percepito tutta la quattordicesima non spettante, le somme in più erogate vanno restituite.

E per gli anni 2017 e 2018 adesso le operazioni di verifica sono terminate e l’Inps potrà partire con il recupero delle somme indebitamente erogate. Con una nota l’Inps ha anticipato il via dei recuperi, confermando che a partire dal mese di ottobre i pensionato potrebbero trovarsi soldi in meno dovuti proprio all’obbligo di restituire le quattordicesime in più percepite.

Già sul cedolino di ottobre quindi, ci sarà la prima delle 24 rate con cui l’Istituto ha deciso di provvedere al recupero. Infatti la restituzione andrà fatta mese per mese per la durata di 24 mesi. In due anni quindi questi pensionati subiranno una decurtazione di assegno con cui andranno a restituire una o tutte e due le mensilità aggiuntive conosciute come quattordicesime, incassate e non spettanti.