Pensioni: costa 30 euro al mese recuperare un anno di contributi con il riscatto agevolato

Pensioni: costa 30 euro al mese recuperare un anno di contributi con il riscatto agevolato

Tra detrazione e rateizzazione senza interessi, il riscatto agevolato della laurea costa un euro al giorno.

Almeno fino a tutto il 31 dicembre 2021 c’è la possibilità di riscattare in maniera agevolata il percorso di studio. Parliamo del riscatto agevolato del corso di laurea. Abbiamo usato l’ipotetico, parlando di 31 dicembre 2021 come data finale entro la quale sfruttare la misura, perché c’è la concreta possibilità che lo strumento possa essere prorogato oltre il 2021. A conti fatti, riscattare la laurea, anche un solo anno, soprattutto perché agevolato dal punto di vista del costo e della fiscalità, può essere importante per uscire dal lavoro e andare in pensione.

Riscatto agevolato laurea, il costo

A qualcuno un anno di studio reso utile ai fini previdenziali può consentire di andare in pensione prima. Parliamo del riscatto del corso di laurea che è in funzione fino al 31 dicembre 2021. L’eventuale proroga o meglio, l’ipotesi che questa misura possa essere prolungata, sembra fattibile per il semplice fatto che uno dei promotori della misura nata con il primo governo Conte, è Claudio Durigon.

E proprio Durigon, che con il governo Lega-M5S era sottosegretario, adesso è nel governo Draghi. La bontà della misura potrebbe orientare l’esecutivo verso una proroga e come si legge sul sito «laleggepertutti.it», estendere la misura oltre il 2021 potrebbe essere una valida soluzione. Ciò che rende la misura assolutamente appetibile è il fatto che a fronte di un costo annuo di 5.200 euro per ogni anno di corso di laurea da riscattare, solo con una detrazione fiscale il costo si abbatte del 50%.

Rate minime da 30 euro al mese per 10 anni

Un’altra possibilità che rende la misura del riscatto agevolato della laurea piuttosto appetibile è il fatto che si può pagare il corrispettivo del riscatto tramite una notevole dilazione di pagamento.

L’appetibilità è dimostrata dal fatto che l’Inps ha comunicato che ha ricevuto per l’anno 2020 circa 55mila richieste di riscatto agevolato del corso di studio universitario. Naturalmente i vincoli ci sono anche per questa misura e sono sostanzialmente quelli legati al richiedente il riscatto che deve:

  • essere iscritto all’assicurazione generale obbligatoria;
  • avere iniziato con i versamenti di contributi dopo il 31 dicembre 1995;
  • non essere iscritto in un fondo per i liberi professionisti.

I periodi riscattabili possono essere massimo 5 anni. Una volta determinato il numero di anni che si intende riscattare ed una volta determinato l’ammontare, si può pagare tutto in unica soluzione o approfittare del beneficio della rateizzazione che può arrivare fino a 10 anni con rate mensili minime di 30 euro.

In pratica un anno da riscattare grazie alla detrazione al 50% e grazie alla rateizzazione concessa può essere pagato con circa 86 rate da 30 euro cadauna. Naturalmente più anni si intendono riscattare e più sale l’importo della rata e il periodo di dilazione che come detto può arrivare a 120 rate.

Va infine ricordato che per una laurea triennale il riscatto di tutti e tre gli anni è pari a 15.600 euro, con 120 rate da 130 euro al mese mentre per i corsi quinquennali, si deve immaginare una rata vicina ai 217 euro al mese.