Paternò: il distributore non gli eroga il gelato, lui gli dà fuoco

A Paternò (CT) un 46enne ha dato fuoco ad alcuni distributori automatici dopo che ne aveva acquistato uno e la macchina non aveva erogato il prodotto.

In Sicilia è già tempo di gelati. E in un periodo in cui i bar subiscono pesanti limitazioni per via delle norme anti contagio, c’è chi si vede costretto ad acquistarlo al distributore automatico.

Il distributore che non eroga il prodotto

Ci troviamo a Paternò, in provincia di Catania. Nella notte tra l’8 e il 9 aprile, un 46enne ha avvertito il desiderio di un gelato della mezzanotte. Perciò, in assenza di bar aperti, ha optato per un piccolo locale che ospita numerosi distributori automatici in via G. B. Nicolosi.

Mancavano pochi minuti alla mezzanotte e il soggetto in questione, un uomo del posto, è entrato nel locale per soddisfare il suo desiderio. Si è avvicinato al distributore che erogava i gelati, ne ha acquistato uno ma, per motivi da chiarire (e che alla luce di quanto successo difficilmente verranno mai chiariti), non ha ricevuto il prodotto che aveva pagato.

Preso dalla rabbia, ha prima colpito alcune volte l’apparecchio e poi si è allontanato dal locale, presumibilmente per tornare a casa sua e procurarsi una bottiglia piena di liquido infiammabile.

Le conseguenze del gesto

Ritornato sul posto quasi un’ora più tardi, ha perfino invitato un altro uomo lì presente ad allontanarsi, proprio perché stava per mettere in atto il suo piano: dare fuoco al locale.

Subito dopo ha gettato del liquido infiammabile contenuto in quella bottiglia sui distributori, ha acceso un fiammifero e ha dato fuoco al locale. Subito dopo è fuggito via.

Grazie alle immagini registrate dalle videocamere di sorveglianza, i carabinieri sono riusciti a ricostruire l’accaduto, identificare il responsabile e comprendere che alla base dell’insano gesto c’era la mancata erogazione di un gelato pagato ma mai assaporato.

Il 46enne è stato denunciato per danneggiamento seguito da incendio. Un episodio per certi aspetti molto simile era successo nel 2018 a Pordenone, quando un uomo diede fuoco a un distributore di benzina che alcuni giorni prima gli aveva ’mangiato’ una banconota senza però attivare la fornitura di carburante.

LEGGI ANCHE: Brescia: positivo al covid viene respinto dai vicini in festa, prende il fucile e spara alle finestre