Autore: B.A

Rinnovo patente - Carta d’identità

24
Lug 2020

Patente e carta di identità scadute? Proroga, rinnovo ed espatrio, le novità

Per l’emergenza Covid, prorogate le date di validità dei documenti di identità, ma con alcune limitazioni.

Tra i tanti provvedimenti anche uno che riguarda i documenti di riconoscimento. Si tratta della patente di guida e della carta di identità. Per via dell’emergenza epidemiologica, già il precedente decreto emergenziale, il cosiddetto decreto Cura Italia, aveva prorogato le scadenze dei documenti di cui adesso viene ulteriormente estesa la data di scadenza nel decreto Rilancio. Ma si tratta di un provvedimento che va approfondito, poiché ci sono al suo interno alcune limitazioni.

Documenti di riconoscimento, nuove scadenze

Il decreto Rilancio quindi, ha prorogato la scadenza dei documenti di riconoscimento scaduti fino a fine anno. In pratica, chi ha il documento di identità, che si tratti di carta di identità o patente di guida, con scadenza nei prossimi mesi o già scaduti da inizio emergenza a oggi, può stare tranquillo. I documenti sono ancora validi.

La proroga è valida fino al 31 dicembre prossimo, con un prolungamento del periodo di validità di tali documenti che viene esteso dal precedente che era fissato al 31 agosto, a tutto il 2020. Tutti i documenti di riconoscimento in scadenza dal 31 gennaio 2020 quindi sono ancora validi fino al 31 dicembre prossimo.

Le limitazioni alla proroga

Questa correzione della data di validità è frutto di un emendamento al decreto Rilancio, convertito in legge nei giorni scorsi, che ha ulteriormente prorogato la scadenza dei documenti di riconoscimento. Non c’è distinzione tra carta di identità classica o carta di identità elettronica. Attenzione però, il decreto sottolinea la validità esclusivamente per il territorio italiano, pertanto, entrambi i documenti non sono validi ai fini dell’espatrio.

In altri termini la proroga della validità dei documenti d’identità scaduti dopo il 31 gennaio 2020 non ha valore per in territorio estero, sia che si tratti di viaggi in Paesi della Comunità Europea che in paesi extracomunitari. Pertanto, ok ai viaggi in Italia, che siano viaggi in treno, autobus, auto o aereo, ma non per uscire dall’Italia. In questo caso occorre rinnovare i documenti di riconoscimento.

Naturalmente la proroga non significa che gli uffici competenti in materia non siano disponibili a provvedere su richiesta al rinnovo dei documenti, perché un cittadino può comunque provvedere a rinnovare i documenti. La proroga alla scadenza di questi documenti nasce dal fatto di evitare gli assembramenti e l’affluenza presso gli uffici pubblici, evitando che tutte le persone che hanno il documento di identità scaduto, si riversino presso gli uffici per il rinnovo in questo periodo dove, nonostante il coronavirus, i viaggi e gli spostamenti vanno per la maggiore.

Il suggerimento è che sia per la carta di identità che per la patente, sopratutto se questi documenti servono per andare all’estero, meglio fare tutto per tempo, dal momento che gli uffici pubblici lavorano su appuntamento e che i tempi tecnici di rinnovo, proprio in virtù dell’emergenza di questi mesi, possono essere più lunghi del solito.