Autore: Luca D

Italia - Coronavirus

Nuovo focolaio in uno stabilimento Bartolini: 45 nuovi contagiati

Allarme in uno stabilimento della Bartolini: 45 nuovi contagi, ma per ora solo una persona ha sintomi

I dati relativi all’emergenza coronavirus, come abbiamo detto ieri in questo articolo, sono al minimo da fine febbraio, sia per quanto riguarda i nuovi contagi che per quanto riguarda i decessi ed i posti occupati in terapia intensiva a livello nazionale. Nonostante ciò non bisogna abbassare la soglia di attenzione, altrimenti assisteremo a molti episodi pericolosi e spiacevoli, come quello accaduto a Bologna. In questa fase verrà posta particolare attenzione ai contagi avvenuti sui posti di lavoro.

Nuovo focolaio in uno stabilimento Bartolini: 45 infetti per ora

In uno stabilimento della Bartolini in provincia di Bologna è scoppiato un focolaio di coronavirus la cui entità sarà definita con precisione nelle prossime ore. Nei giorni scorsi sono stati individuati due casi positivi tra i dipendenti dell’azienda e tanto è bastato per far allarmare i vertici dell’azienda stessa che hanno deciso di eseguire dei tamponi a campione in modo da valutare l’entità dell’eventuale focolaio. Nella giornata di ieri altre 17 persone sono risultate positive e, al termine delle indagini condotte stamattina, il numero dei positivi interni all’azienda è arrivato a 45 persone. Altri tamponi sono ancora in fase di analisi e verranno eseguiti altri test nei prossimi giorni, molto probabilmente quindi questi numeri continueranno a salire.

Come riportato da “Il Sole 24 Ore”, la maggior parte dei contagi sarebbe avvenuta in un reparto di stoccaggio dove lavorano i magazzinieri della ditta che è stato prontamente chiuso per evitare un peggioramento della situazione. L’area è stata già sanificata e l’azienda ha risposto in modo pronto e veloce: l’attività lavorativa è stata ridotta al minimo, molti dipendenti sono in isolamento precauzionale e, inoltre, le indagini verranno ampliate anche a dipendenti di cooperative entrati in contatto con i lavoratori Bartolini e, probabilmente, anche ai dipendenti delle ditte i cui stabilimenti confinano con lo stabilimento della Bartolini in cui è esploso il focolaio.

44 persone su 45 non hanno ancora sviluppato nessun sintomo

Tra i 45 individui risultati infetti dal SARS CoV 2, ben 44 non hanno ancora sviluppato alcun sintomo. Solo un dipendente è ricoverato in ospedale ma le sue condizioni sono stabili e non gravi. Gli altri 44 sono attualmente asintomatici, ciò non significa che non potrebbero sviluppare sintomi nei prossimi giorni.

Il caso verrà analizzato anche dalla comunità scientifica, bisognerà capire come il virus è entrato nello stabilimento e come si è diffuso al suo interno nelle diverse aree. Molto interessante, da un punto di vista scientifico, sarà capire come mai 44 persone su 45 non hanno ancora presentato alcun sintomo. Se questa condizione, ossia il fatto che la maggior parte delle persone non hanno sviluppato alcun sintomo, dovesse continuare potrebbero essere condotte delle indagini scientifiche più approfondite per valutare il comportamento del virus e la sua variazione nel corso del tempo.