Autore: Liliana Terlizzi

Coronavirus

Nuovo Dpcm, dopo il 15 gennaio ipotesi «zona bianca»: riaprono cinema e palestre

Dopo il 15 gennaio, con l’arrivo del nuovo Dpcm, le palestre e i cinema potranno riaprire

Con l’arrivo del nuovo DPCM anti Covid, potrebbe essere introdotta una nuova fascia di rischio, la zona bianca, con una bassa circolazione del virus. Se i parametri lo permettono, in alcune Regioni potrebbero riaprire i luoghi della cultura come i teatri, i cinema ed anche le palestre e le piscine.

In queste ore il Governo sta ultimando i nuovi provvedimenti che scatteranno dal 7 gennaio, si sta valutando la zona gialla in quasi tutte le Regioni. Nella giornata di domani 5 gennaio, è atteso il nuovo monitoraggio dell’ Iss insieme al ministero della Salute per stabilire in quali Regioni potrebbero confermarsi le misure più severe in vigore in queste vacanze di Natale.

Le Regioni che più preoccupano attualmente sono il Veneto, la Liguria e la Calabria che rischiano di rimanere in zona rossa anche dopo il 6 gennaio. La Lombardia, la Puglia e la Basilicata potrebbero passare in fascia arancione ma per confermarlo bisognerà attendere i nuovi dati.

Cosa ci aspetta nel prossimo weekend

Nel prossimo weekend ci dobbiamo aspettare una stretta, come ha anticipato il ministro della Salute Speranza dopo il vertice di ieri sera con le Regioni. Si sta valutando una zona arancione o rossa in tutto il Paese per il 9 e 10 gennaio.

Il coprifuoco potrebbe essere anticipato alle 20, i bar e i ristoranti resteranno chiusi e scatterà il divieto di uscire dal proprio Comune di residenza. Se viene confermata la zona arancione, i negozi potranno rimanere aperti ad eccezione dei centri commerciali che resteranno chiusi nei festivi e prefestivi.

Zona bianca, cosa cambia?

Il ministro Dario Franceschini ha proposto la «zona bianca» ed è stato appoggiato dal ministro della Giustizia Bonafede. Nelle Regioni a basso rischio in cui il virus circola meno, potrebbero aprire i luoghi di cultura come i cinema, i teatri, le sale da concerto, i musei ma anche le piscine e le palestre.

I bar e i ristoranti potrebbero riaprire senza limiti di orario rispettando sempre tutte le misure di sicurezza come il distanziamento sociale, l’obbligo della mascherina e il divieto di assembramento. Questa nuova zona potrebbe essere introdotta già nel prossimo dpcm.