Autore: B.A

2
Feb

Medici italiani isolano il coronavirus, scoperta eccezionale dei nostri scienziati!

Coronavirus, a Roma isolato il virus, enorme scoperta dei medici italiani! Questo ciò che è uscito fuori dallo Spallanzani di Roma.
Una importantissima scoperta scientifica all’ospedale Spallanzani sul Coronavirus. Il Ministro della Salute, Roberto Speranza ha confermato una vice che circolava da ambienti vicini all’ospedale Spallanzani di Roma. I nostri medici e studiosi del nosocomio capitolino, specializzato in malattie infettive, ha isolato il virus cinese che tanta paura fa. Una scoperta che potrebbe rappresentare una svolta a livello planetario per contrastare il proliferare dell’epidemia da coronavirus.

Gli italiani sono arrivati prima

È stato il Ministro Speranza che in persona ha annunciato la scoperta. E sarà una scoperta funzionale al futuro sviluppo di un vaccino, dal momento che lo stesso Speranza ha annunciato che quanti scoperto dagli italiani «verrà messo a disposizione della comunità scientifica internazionale». Fatto sta che sono stati i medici dell’ospedale Spallanzani di Roma ad isolare per primi il coronavirus. Dopo il ricovero della coppia di cinesi, nello stretto giro di due giorni, i medici italiani hanno isolato il virus.

Perché è importante la scoperta

Grazie a quello che i medici hanno trovato, adesso ci sarà materia per effettuare nuovi test, nuove prove e nuove diagnosi, con l’obbiettivo di trovare antidoti, cure e vaccini per la polmonite cinese. E dopo che gli italiani hanno isolato il virus, il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito ha dichiarato che si aprono «spazi per nuovi test di diagnosi e vaccini e l’Italia diventa interlocutore di riferimento per questa ricerca».
Con il giusto entusiasmo e la giusta soddisfazione, il Ministro della Salute, Roberto Speranza ha parlato di «un passo fondamentale per tutta la comunità scientifica, che consentirà di accelerare la ricerca per il contrasto a questa malattia», sottolineando il grande merito che ha l’Italia, che per Speranza ha uno dei servizi sanitari migliori del mondo come dimostrato l’ennesima volta per il coronavirus.

Continuano i test allo Spallanzani

In tutto sono 23 le persone arrivate in Italia da zone cinesi vicine a Wuhan, città focolaio dell’epidemia. Escludendo la coppia di coniugi trovati positivi al contagio in un Hotel di Roma, tutti gli altri sono passati dall’ospedale Spallanzani, ma tutti i test a cui sono stati sottoposti hanno escluso il contagio. Oltre ai due turisti cinesi, le cui condizioni, come più volte ribadito dai dirigenti del nosocomio capitolino, sono discrete, non ci sono altri pazienti implicati nel contagio da coronavirus. Resta alta l’allerta nel nostro Paese, con misure di sicurezza estreme sia agli aeroporti che si porti dice possono scaricare persone provenienti dalle Zone dove l’infezione da coronavirus si è sviluppata.
All’aeroporto Fiumicino di Roma è stato allestito un dormitorio con 400 brandine per le persone provenienti da voli cinesi, anche se da giorni le autorità del Paese asiatico hanno disposto la chiusura dei voli da e per la Cina.