Maxi-focolaio Covid a Maiorca, centinaia di positivi e migliaia di giovani in quarantena

Il Ministero della Salute spagnolo impegnato in un tracciamento di grandi dimensioni.

Oltre 700 giovani contagiati, 300 persone in quarantena. È il bilancio di un maxi-focolaio Covid rintracciato a Maiorca, luogo in cui avrebbero dovuto trascorrere la loro vacanza.

Un episodio che, pur non dovendo suscitare allarmismo, può diventare anche una sorta di esempio del fatto che il problema coronavirus sarà ancora per qualche tempo d’attualità, magari non raggiungendo i livelli di drammaticità dei tempi peggiori.

Sono in corso indagini rispetto ai motivi per i quali ci sarebbe stata una diffusione così importante del virus, con già alcune situazioni messe nel mirino.

Maxi-focolaio a Maiorca, enorme tracciamento

A raccontare le dinamiche della situazione è stato il quotidiano spagnolo El Pais. Ed è un lavoro particolarmente gravoso quello che, al momento, sta mettendo in atto il Ministero della Salute spagnolo rispetto alla necessità di mettere in atto un tracciamento efficace e che sta coinvolgendo migliaia di persone.

Covid, a Maiorca studenti da tutta la Spagna

Sull’isola ci sono ancora 268 giovani per i quali è stato riscontrato un contatto diretto con dei positivi. Per loro è scattato il trasferimento in un hotel della zona dove, come previsto, dovranno rispettare la quarantena di dieci giorni prevista per chi ha «incontrato» il virus.

Gli 800 positivi provengono da otto regioni del paese. 363 proverrebbero dalla comunità di Madrid. Coinvolte anche quelle di Aragona, Mancia, Catalogna, Galizia e Paesi Baschi. Cosa sia accaduto affinché si potesse innescare una dinamica di contagi così ampia è oggetto di indagine da parte dell’autorità locali, che starebbero indagando se i locali della zona abbiano o meno fatto rispettare quelle che sono tutte le restrizioni anti-Covid.

Maxi-focolaio Covid a Maiorca, da cosa è dipeso?

Il sospetto è che la propagazione del contagio sia, in qualche modo, correlato a condotte verificatisi in eventi di convivialità come feste in barca ed in hotel. Nel mirino in particolare sarebbe finito anche un concerto.

Maiorca è una regione che per molti giovani spagnoli diventa una meta per festeggiare la fine degli studi, dell’anno accademico o di quello scolastico. Ci sono sia maggiorenni che hanno diretta responsabilità su sé stessi, ma anche minorenni. L’isola, inoltre, nelle prossime settimane si prepara ad accogliere tanti inglesi.

Andare in vacanza all’estero, conviene?

Restare in Italia, in questa fase, per le vacanze può essere ritenuto consigliabile. Risulta, in tal senso, significativa una dichiarazione rilasciata dal professor Luca Richeldi al Corriere della Sera (edizione 27 giugno 2021).

A domanda precisa se consiglierebbe o meno una vacanza all’estero ha replicato: «No, consiglierei di non viaggiare e trascorrere le vacanze vicino a casa, per prudenza. Da noi ci sono posti splendidi e sarebbe illogico recarsi fuori dall’Italia in una fase che non si è definitivamente stabilizzata».