Autore: Luca Macaluso

Ricette

Mangiare kamut: ecco tutti i benefici

Mangiare kamut può apportare vantaggi alla nostra salute. Ecco tutti i benefici del kamut per il nostro corpo.

Il kamut è un cereale che ha visto un particolare successo sulle nostre tavole negli ultimi anni. «Kamut» è propriamente un marchio registrato made in USA ma è diventato uso comune chiamare il cereale in questo modo. Il kamut in commercio è frutto di coltivazioni di origine biologica. Si tratta di un grano duro composto da chicchi molto grossi. Scopriamo tutti i benefici del mangiare kamut.

Quali sono i benefici del kamut

Dal punto di vista nutrizionale il kamut è ricco di aminoacidi, proteine, importanti sali minerali come il magnesio, il ferro, il fosforo, il potassio, lo zinco, il selenio, il rame e vitamine del gruppo B ed E.

Ti potrebbe interessare: Kamut: ecco perchè preferilo alla farina 00

I benefici che il kamut ha per il nostro corpo sono l’azione depurativa grazie al ricco contenuto di fibre che stimolano l’intestino e facilitano la peristalsi; l’azione digestiva grazie alla sua leggerezza e alla facile assimilazione. Il kamut inoltre non fermenta e non crea problemi allo stomaco di gonfiori e pesantezza; l’azione anti-età che si espleta grazie alla sinergia tra un minerale come il selenio e la vitamina E, che insieme facilitano il rinnovamento cellulare e rallentano i processi di invecchiamento; l’azione energetica grazie al contenuto di lipidi e carboidrati a lunga assimilazione. Mangiare kamut riempie il corpo di energia a rilascio graduale durante l’intera giornata.

Mangiare kamut: elementi da tenere in considerazione

I benefici nel mangiare il Kamut li abbiamo elencati nel paragrafo precedente e, indubbiamente, non possiamo non constatare le proprietà benefiche del cereale. Ci sono però alcuni elementi, a riguardo del kamut, da tenere in considerazione.

Ti potrebbe interessare: La farina di grano contiene sostanze organiche? La risposta che stupisce

E’ bene puntualizzare che il kamut non si può tenere in considerazione come possibile sostituto del classico grano per chi soffre di celiachia. Il Kamut è infatti abbondante della proteina del glutine, la cui assunzione è da evitare per i celiaci. Per contro è però stato dimostrato che il kamut è più tollerabile del grano da parte di chi soffre di lievi intolleranze alimentari. Recenti studi hanno infatti dimostrato che chi soffre di intolleranze nei confronti del grano presentando manifestazioni sintomatiche come asma, crampi addominali o spasmi, non presenta la stessa sintomatologia mangiando il kamut.

In ogni caso certamente, detto questo e puntualizzato sulla presenza del glutine e sul discorso delle intolleranze alimentari, a un potenziale consumatore intenzionato a provare il kamut possono venire dei dubbi, soprattutto se l’intenzione era quella di acquistare la farina. La farina di kamut fa male? No, la farina di kamut non è pericolosa, certamente contiene glutine ma semplicemente non è adatta a chi soffre di celiachia e intolleranza a questa proteina. Certo la farina di kamut è più ricca di calorie ma è comunque coltivata in modo biologico e quindi sano ed esente da pericoli, da contaminazioni o da raffinazioni chimiche.