Autore: Antonio 2

Coronavirus - Scuola

La scuola annaspa: mancano migliaia di prof, ecco dove

Tante cattedre vuote, a scuola tante difficoltà.

«Un anno disastroso per l’istituzione scolastica italiana». Con questa frase i sindacati hanno riassunto il primo mese di scuola purtroppo condizionato da tanti disservizi, contagi da Covid che hanno obbligato la chiusura di alcuni istituti, tante cattedre vuote.

A proposito di chiusure, come riporta Sky, gli studenti contagiati sono pari allo 0,080% (5.793 casi di positività), per il personale docente la percentuale è dello 0,133% del totale (1.020 casi), per il personale non docente si parla dello 0,139% (283 casi). Nonostante la portata dei casi nella scuola sia limitata, ci sono tante scuole per alcuni casi. In Alto Adige, ad esempio, il liceo classico Carducci di Bolzano rimarrà chiuso per 10 giorni fino al termine della prossima settimana per l’emergenza Covid.

Oltre 760 alunni riprenderanno a seguire le lezioni in modalità a distanza. In Lombardia si contano 8 classi in quarantena e 68 casi tra gli studenti. In Campania, De Luca ha chiuso tutte le scuole e le università. In Abruzzo sono una quindicina i professori in quarantena e 5 classi dopo alcune positività nell’istituto. In Puglia anche risulta chiusa una scuola dopo un contagio. Insomma, la situazione è dappertutto problematica.

Ma dove mancano i prof?

Tornando alla questione docenti, le nomine sono ancora in alto mare in molte città, e anche quest’anno sono soprattutto al Nord le province con più richieste di docenti. Come riporta La Repubblica gli orari spesso ridotti in classe. A Bologna su 82 mila chiamate accetta il 15 per cento, un preside di Padova invia 300 mail e nessuno prende servizio.