Autore: B.A

ISEE

Isee differenti nonostante stessa residenza, quando è possibile?

Non sempre la stessa residenza prevede Isee unico per due componenti lo stesso nucleo.

Ci sono casi in cui due persone che risultano componenti dello stesso nucleo familiare, possono presentare due Isee distinti. Una cosa niente affatto scontata questa, perché l’Isee ha una normativa molto rigida e particolare perché serve per l’accesso alle più svariate prestazioni assistenziali e quindi a prestazioni destinate a soggetti e famiglie che gravano in determinate condizioni reddituali o di composizione dei nuclei familiari.

È evidente che a seconda della prestazione da richiedere, la presenza nello stesso nucleo, o la somma dei redditi dei componenti una famiglia può essere determinante. Ecco perché a volte, il fatto che due persone, nonostante vivano sotto lo stesso tetto e nonostante facciano parte dello stesso nucleo familiare, possano avere due Isee distinti è importante. Ma quando si possono avere due Isee diversi nonostante la presenza nello stesso nucleo familiare? Vediamo quando si verifica questa fattispecie di situazione.

Stessa residenza e stesso nucleo familiare

Modello Isee e nucleo familiare in linea generale coincidono sempre. Ma capita a volte che due persone, anche se hanno la stessa residenza, non fanno parte dello stesso stato di famiglia e quindi possono avere due Isee differenti.

Come dicevamo, dall’Isee dipende la possibilità di avere accesso a prestazioni assistenziali, agevolazioni fiscali e bonus. E il nucleo familiare di cui è composta una famiglia diventa determinante. L’esatta composizione del nucleo familiare diventa decisiva.

La condizione necessaria per essere considerati soggetti residenti nel medesimo nucleo familiare è la convivenza. Se uno dei componenti cambia residenza può staccarsi dal nucleo familiare. Per fare parte del medesimo nucleo familiare occorre anche in vincolo di parentela o affinità. Questo per esempio incide nel momento in cui sotto lo stesso tetto abitano per esempio due colleghi di lavoro piuttosto che due colleghi studenti universitari.

Matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o convivenza di fatto sono i fattori che determinano il fatto che alcune persone sono considerate come appartenenti allo stesso nucleo familiare. In altri termini, chi convive con altre persone e con queste è legato da uno dei rapporti di lavoro prima citati, può essere considerato componente di uno stesso nucleo familiare.

Leggi anche: Isee precompilato, occorre verificare i dati per non perdere le agevolazioni per cui è richiesto

Si possono avere due stati di famiglia pur vivendo sotto lo stesso tetto?

Partendo dal presupposto che non è possibile avere due o più stati di famiglia tra persone conviventi se queste sono legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione o vincoli affettivi, vediamo quando si verificano casi particolari.

Coabitazione e vincoli di parentela, affinità o affettività sono i requisiti principali con i quali si materializza la composizione di un unico stato di famiglia. Nel caso manchi uno solo di questi requisiti, è possibile avere due distinti stati di famiglia nella stessa abitazione.

Chi vuole avere un Isee separato da quello dei genitori non può convivere con loro, poiché diversamente rientrerebbe nello stesso stato di famiglia. In sintesi, esiste una unica via per poter avere due Isee separati, se tra i residenti sotto il medesimo tetto c’è un vincolo di parentela o affettività o simile.

L’immobile sede del nucleo familiare va diviso ove possibile, creando due unità immobiliari. Naturalmente non tutti gli immobili possono essere suddivisi, dipende dal catasto. Un immobile una volta diviso catastalmente può essere sede di più nuclei familiari e di conseguenza ognuno con un Isee differente.