Ipotesi omicidio-suicidio a Montesilvano (Pescara) dopo il ritrovamento di due cadaveri

I due morti sono una coppia, possibile che ci sia stato un litigio all’origine della tragedia

I corpi senza vita di un uomo ed una donna sono stati trovati all’interno di un appartamento di Montesilvano, in provincia di Pescara nella mattinata del 15 ottobre. Stando alle prime notizie emerse potrebbe esserci un omicidio-suicidio all’origine della morte delle due persone.

Le vittime sono due cittadini origine romena

I due cadaveri sarebbero stati trovati posti uno sopra l’altro. I due deceduti sono due cittadini di origine romena, attorno ai cinquant’anni e da lungo tempo stabiliti in Italia. Non è chiaro chi, tra i due, abbia agito per primo uccidendo l’altro, ma entrambi corpi presentano segnali da ferite generate da armi da taglio. Sul posto, secondo quanto riportano le agenzie di stampa, sono intervenuti gli uomini dell’Arma dei Carabinieri, i sanitari del 118 ed anche i Vigili del Fuoco.

Urla prima della scoperta delle due morti

Toccherà agli inquirenti fare luce sulla vicenda, sebbene pare che il silenzio della morte sia stato preceduto da una lite che potrebbe aver fatto scattare ciò che ha portato al dramma. Urla durate dieci minuti, a cui sono seguite le mancate risposte da parte dei due nelle fasi successive. Questo avrebbe fatto scattare l’allarme e la scoperta della tragedia. Un fatto che ha scosso una zona dove i due erano molto apprezzati.

Tante tragedie in contesti familiari

La vicenda avvenuta vicino Pescara, in attesa che le indagini definiscano il quadro dell’evoluzione delle cose e confermino le prime interpretazioni dei fatti, sembra inserirsi nella scia di tante altre tragedie che nelle ultime settimane hanno contraddistinto le pagine di cronaca.

Lo scorso 12 ottobre un uomo, dopo aver ucciso la moglie a Manduria (in provincia di Taranto), aveva provato a togliersi la vita. Un litigio tra i due avrebbe portato ai momenti di tensione fatale, con un taglierino puntato alla gola della moglie. Nulla da fare, in quel caso, per una donna di 79 anni, mentre il tentativo di suicidio operato dal marito, di cinque anni più grande, non si è concretizzato.