Autore: Francesco Menna

Benessere - Salute

3
Mar

Inghilterra: «l’età per comprare sigarette dovrebbe passare a 21 anni»

I parlamentari dell’Inghilterra affermano che l’età minima per comprare le sigarette dovrebbe essere aumentata a 21 anni

L’età legale per fumare dovrebbe essere aumentata a 21 anni secondo i parlamentari dell’Inghilterra che chiedono una repressione dei giganti del tabacco e l’uso di sigarette in TV come parte degli sforzi per costruire una generazione senza fumo.

Oltre ad aumentare l’età legale per l’acquisto di tabacco da 18 anni a 21, il gruppo parlamentare di All Party (APPG) sul fumo ha affermato che l’industria del tabacco dovrebbe affrontare prelievi che riflettono i suoi costi per la società.
Questo finanziamento dovrebbe essere sfruttato in iniziative per smettere di fumare, mentre la tassa sul tabacco dovrebbe essere aumentata per renderla meno accessibile.

I servizi di cessazione gestiti dal Consiglio hanno visto tagli significativi negli ultimi anni e anche la prescrizione dei farmaci a base di nicotina è diminuita, portando a timori sul fatto che i progressi nella riduzione del fumo potessero bloccarsi.

Età minima per fumare di 21 anni

L’APPG ha affermato che la fiducia del Piano di controllo del tabacco del 2017 sulle autorità locali a corto di contanti per contribuire a creare una «generazione senza fumo» non è realistica.

Il presidente dell’ APPG, il deputato conservatore Bob Blackman, ha dichiarato: «Il fumo rimane la principale causa di morte prematura e disuguaglianze di salute.
Accelerare ulteriormente la regolamentazione del tabacco è essenziale per raggiungere la visione del governo per la prevenzione, per aumentare la speranza di una vita sana di cinque anni entro il 2035 e ridurre le disuguaglianze tra i più ricchi e i più poveri della società».

Gli attivisti hanno affermato che la «sperimentazione» con il fumo porta a «un’abitudine fatale» in due terzi delle persone, ma è meno comune nelle persone sopra i 21 anni. Altre misure proposte dal gruppo includono:

  • Stringere le regole sul fumo nei programmi televisivi e nei film;
  • Raccolta e pubblicazione dei dati di vendita e di marketing dei produttori di tabacco;
  • Spendere di più in campagne educative e fare in modo che i produttori inseriscano carte informative per smettere di fumare nei pacchetti;
  • Vietare la vendita di tabacco da rivenditori non autorizzati o coloro che infrangono le leggi su chi dovrebbe essere venduto.

Nel frattempo, le aziende del «Big Tobacco» dovrebbero essere soggette a un prelievo obbligatorio di «chi inquina paga» per pagare i costi del controllo del tabacco, che potrebbe raccogliere 150 milioni di sterline e le tasse sul tabacco dovrebbero essere innalzate al 5% al ​​di sopra dell’inflazione che vale sia per il tabacco sfuso che alle sigarette prodotte.

Questo denaro, che l’industria del tabacco altamente redditizia può facilmente permettersi, potrebbe finanziare i servizi per smettere di fumare e scoraggiare i giovani a prendere il vizio. Inoltre, secondo i parlamentari aumentare l’età legale minima a 21 anni consente di rendere i ragazzi più responsabili.