Il ministro Speranza sulla terza dose di vaccino: «Dal 1° Dicembre via a chi ha dai 40 ai 60 anni»

Il ministro Speranza sulla terza dose di vaccino: «Dal 1° Dicembre via a chi ha dai 40 ai 60 anni»

Il Ministro della Salute lo ha annunciato nel corso del question time alla Camera

A partire dal 1° Dicembre via alla terza dose di vaccino per la fascia di popolazione che va dai 40 ai 60 anni. A darne l’annuncio il Ministro della Salute Roberto Speranza alla Camera.

«Con il confronto svolto annuncio che facciamo ulteriore passo avanti: dal primo dicembre saranno chiamati a dose di richiamo anche chi ha tra 40 a 60 anni» - l’annuncio del ministro.

Speranza ha voluto ribadire l’importanza della terza dose per arginare la diffusione del coronavirus. «La terza dose è assolutamente strategica per la campagna vaccinale: siamo all’83,7% di persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Il richiamo ad oggi è stato offerto a 2,4 milioni. Abbiamo iniziato da immunocompromessi, fragili, sanitari, over 60 e chi ha avuto J&J che possono avere booster dopo sei mesi.»

Entrano nella platea quindi altre 15 milioni di persone

Già la scorsa settimana lo stesso ministro aveva lasciato intendere che a breve ci sarebbe stato l’abbassamento dell’età delle persone coinvolte nella cosiddetta dose booster.

Si pensava dapprima ad un’apertura per i cinquantenni, circa 8,1 milioni di persone vaccinate in questa fascia. Ed invece si è deciso di allargare subito la maglia anche fino ai 40enni con una platea di circa 7 milioni di persone. Questo significa che dal primo del prossimo mese entreranno nella campagna 15 milioni di persone.

Speranza ieri aveva ribadito il concetto di non abbassare la guardia

Proprio ieri intervenuto alla cerimonia della IX edizione del Premio letterario «Angelo Zanibelli» Speranza aveva invitato a non abbassare la guardia.

«Guai a pensare che la battaglia sia vinta, guai ad abbassare la guardia: sono ore non semplici queste, a livello europeo il Covid sta rialzando la testa nei numero dei contagi» - le parole dei Ministro.

«L’Oms in queste ore segnala ancora la necessità di una grande attenzione, preannuncia mesi ancora tutt’altro che semplici, ma abbiamo più forza e questa forza ci è arrivata prima di tutto dalla scienza che ci ha messo nelle condizioni di avere un vaccino efficace e sicuro, che come dimostrano studi che arrivano da tutto il mondo, è l’arma vera per chiudere una stagione difficile.»

«Abbiamo numeri tra i migliori nel mondo» - ha detto a riguardo la campagna di vaccinazione che deve proseguire spedita.