Autore: B.A

Coronavirus - Stati Uniti - Cina

27
Lug

“Il Covid non è nato a Wuhan, Trump si scusi con la Cina”, una esperta in pipistrelli lo afferma

La virologa cinese Shi Zhengli pretende le scuse d Presidente Donald Trump.

La lunga querelle tra Usa e Cina relativa al Covid continua a tenere banco. Ormai appare chiaro che in America, almeno per Donald Trump, Mike Pompeo e molti altri soggetti vicini all’attuale inquilino della Casa Bianca, la Cina va ritenuta responsabile della pandemia e sempre la Cina ha nascosto più di qualcosa relativamente al coronavirus.

Non è un segreto che negli Usa molti sospettano che il virus sia stato creato in laboratorio, tanto è vero che in più di una occasione, Trump nel parlare del coronavirus, lo ha definito come «il virus cinese». Dalla Cina però contestano le teorie americane e Shi Zhengli, ricercatrice, virologa ed esperta di pipistrelli, esclude che l’infezione si sia propagata dal suo laboratorio e pretende le scuse dal presidente Usa.

Agli Stati Uniti, che hanno accusato pubblicamente la Cina di aver creato il virus in in laboratorio di Wuhan, quello dove lavora Shi Zhengli, la virologa chiede che si scusino con la Cina intera per queste infondate accuse.

La smentita di Shi Zhengli

Shi Zhengli, 56 anni, virologa e nota esperta di pipistrelli per averne studiato comportamenti e aspetti, ha usato parole dure nei confronti degli Stati Uniti d’America e del Presidente Trump smentendo categoricamente ogni ipotesi che collega il coronavirus al suo laboratorio.

«Il Coronavirus non è nato a Wuhan e il presidente americano Donald Trump deve scusarsi con la Cina per l’uso di slogan come virus di Wuhan e virus cinese», questa la presa di posizione della Bat Women cinese (così viene chiamata in patria proprio per il suo interesse ultradecennale per i pipistrelli).

Shi Zhengli ha pubblicamente replicato alle accuse Usa, rilasciando una intevista alla rivista internazionale Science, di cui da notizia in Italia, il «Corriere della Sera». «Le affermazioni del presidente Trump, che il Sars-CoV-2 è uscito dal nostro istituto contraddicono totalmente i fatti, danneggiano il nostro lavoro accademico e la nostra vita personale. Il presidente Trump ci deve le sue scuse», questi ciò che dice Shi Zhengli.

La teoria di Shi Zhengli scagiona i pipistrelli

Ma oltre a parlare di Trump, la virologa cinese ha dato quella che possiamo definire, la sua versione dei fatti. «La probabilità che il virus sia passato direttamente da un pipistrello a un uomo è molto bassa. Tendo a sostenere lo scenario dell’animale intermedio. Dove questo sia avvenuto non è ancora stato scoperto. Sappiamo dalla storia, come quella dell’Hiv (il virus dell’Aids), che i luoghi dove sono scoppiate le grandi malattie di solito non sono gli stessi in cui sono originate, vale a dire non sono quelle dove è accaduto lo spillover, il salto da animale a uomo. Non credo che il passaggio sia avvenuto a Wuhan», così la ricercatrice che sottolinea come il mercato degli animali di Wuhan probabilmente è solo la sede di un normale focolaio.