Autore: Antonio 2

INPS

INPS: caos totale, svelati migliaia di dati personali. «Violazione della privacy più grande mai avvenuta in Italia»

Una situazione incredibile. Migliaia di dati personali sono stati «messi a nudo» dal bug.

Da oggi sul sito dell’Inps era possibile fare la richiesta per i 600 euro previsti dal fondo per le partite iva. Il sito, come era immaginabile, è andato in tilt sin dalla prima mattinata. Ma fin qui tutto «previsto». Il problema è sorto quando il sito è letteralmente andato nel pallone, facendo vedere a ruota dei dati personali, con tanto di violazione della privacy.

Come riporta il sito iene.it «decidiamo di andare sul tasto “bacheca”, aspettandoci di vedere le informazioni di Bruno A., ma ancora una volta ad aprirsi è una nuova pagina profilo, quella di un’altra utente: Roberta B. Cliccando sul tasto “la tua posizione fiscale”, che dovrebbe mostrare debiti con l’Istituto, rateizzazioni, etc., si accede a una nuova pagina, e ancora una volta non quella che ci saremmo aspettati di vedere. È la pagina di Marzia C. E così all’infinito, per decine e decine di volte.» Sullo stesso sito l’avvocatessa Cathy La Torre ha definito il bug dell’INPS «la più grande violazione dei dati personali mai avvenuta in Italia».

Tanti nomi usciti sullo schermo

Sono tanti i nomi diversi usciti sullo schermo a coloro che hanno provato ad accedere nelle ultime ore, ma soprattutto un certo Luciano V. che in queste ore suo malgrado è diventato un trend topic su google. Insomma, un vero e proprio caos che i tecnici informatici devono cercare di risolvere al più presto.