Guerra in Ucraina: cosa sono le armi Himars e cosa ha detto Putin in merito

Guerra in Ucraina: cosa sono le armi Himars e cosa ha detto Putin in merito

I sistemi Himars saranno forniti dall’Ucraina agli Stati Uniti

Nell’ambito della guerra in Ucraina Kiev è pronta a ricevere ulteriore assistenza militare con la consegna dei sistemi Himars. Una prospettiva verso la quale Vladimir Putin ha parlato della possibile reazione della Russia qualora arrivino queste risorse agli avversari.

Guerra in Ucraina: le parole di Putin

Lo si evince da alcune dichiarazioni riportate da diverse fonti di stampa a livello internazionale e che il presidente russo ha rilasciato in un’intervista all’emittente Rossiya 1. «Se i sistemi Himars - ha dichiarato - saranno consegnati, trarremo conseguenze appropriate e utilizzeremo le nostre armi distruttive, e ne abbiamo in quantità sufficienti, per colpire obiettivi che non stiamo ancora colpendo».

La richiesta di armi da parte di Kiev

La fornitura di armi, sin dall’inizio del conflitto, è la principale richiesta di Kiev che continua a fare nei confronti di chi ha manifestato supporto. Una necessità che, da parte Ucraina, è stata messa in rilievo praticamente senza pause. E adesso potrebbe arrivare una svolta.

Nell’ambito dell’assistenza militare fornita a Kiev, gli Stati Uniti sono, infatti, pronti a fornire questo sistema missilistico denominato Himars. La capacità peculiare è quella di riuscire a colpire obiettivi anche ad 80 chilometri di distanza. L’assistenza, fino al momento, non era mancata, ma mai si è arrivato alla consegna di strumenti così avanzati. Va, tuttavia, chiarito che si tratta di missili a medio raggio e non a lungo raggio.

Himars: camion «piattaforma» per il lancio di missili

Il termine Himars è l’acronico di High Mobility Artillery Rcoket System. Di fatto rappresentano dei camion «piattaforma», su cui sono installati dei lanciarazzi in grado di far partire 6 colpi in poco tempo e sono facilmente ricaricabili. Le munizioni possono essere dotati di sistemi orientabili con il supporto del gps, ottimizzandone dunque anche la precisione.

Il ruolo degli Himars nell’ambito della guerra in Ucraina

Nell’ambito della guerra avrebbero la capacità di colpire le forze russe, senza necessità di avvicinamento da parte degli ucraini. Come già accennato, non si tratta dei sistemi più avanzati presenti al mondo, tenuto conto che Kiev avrebbe preferito quelli con gittata da 300 chilometri.

Questi, però, non saranno forniti, poiché non si vogliono fornire all’Ucraina armi che consentano di colpire oltre confine e che, in qualche modo, non vadano oltre l’obiettivo di difesa sul proprio territorio.
Una scelta, per certi versi, simbolica, tenuto conto che in teoria avvicinati al confine anche gli Himars potrebbero colpire dei punti in territorio russo. Si attende adesso di capire quali saranno gli sviluppi.

Risulta chiaro come questa fornitura dà l’idea di rappresentare una risorsa destinata a migliorare la capacità di resistenza da parte dell’Ucraina che nelle ultime settimane sta affrontando l’offensiva di Mosca soprattutto nelle parte orientale del Paese.