Green pass aerei, treni, bus, mezzi di trasporto: quando si decide e le ipotesi

Attesa una decisione che confermi o meno gli orientamenti che oggi vengono anticipati a titolo di ipotesi

Il Green Pass per i mezzi di trasporto è un tema di grande attualità. Dopo una prima estensione della necessità della certificazione verde a partire dal 6 agosto, si attende un’ulteriore applicazione del provvedimento che potrebbe riguardare, ad esempio, aerei e treni a lunga percorrenza. Ad oggi non c’è una data, né una decisione ufficiale, ma si sa quando potrebbe essere presa a quali paiono essere gli orientamenti.

Green Pass, prime novità dal 6 agosto

Il Green Pass, com’è noto, viene riconosciuto a chi è vaccinato, a chi è guarito dal Covid e a chi ha un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. Il decreto risalente allo scorso 22 luglio prevede che a partire dal 6 agosto sia un requisito per poter accedere alle attività al chiuso. Lo devono avere coloro i quali scelgono di andare a cenare in un ristorante al chiuso, vanno in piscine o palestre che non siano all’aria aperta o vogliono andare al cinema o al teatro o allo stadio.

La soluzione viene ritenuta funzionale all’idea di evitare nuove chiusure, subordinando la fruibilità di determinate attività a quanti sono immunizzati. Il tutto confidando anche nella prospettiva che le contingenze possano essere un incentivo alla vaccinazione.

Considerazione che, unitamente a quella che pare essere una crescita dei contagi, pare destinata a portare ad un’ulteriore estensione del Green Pass verso quegli ambiti che rappresentano potenziali situazioni a rischio.

Green Pass mezzi di trasporto, situazioni diverse

In una fase più avanzata del 6 agosto, è presto per dire la data, potrebbe scattare un provvedimento attraverso cui l’utilizzo del «pass» possa diventare un requisito per accedere ad alcuni mezzi di trasporto. La disposizione parrebbe destinata a riguardare unicamente aerei, treni e navi. Vettori destinati a percorrere tratte di lunga percorrenza. Stando alle ipotesi emerse dovrebbe, per il momento, restare fuori il trasporto pubblico locale. Riferimento quest’ultimo che va, ad esempio, a bus , metropolitane, tram e contesti simili.

Green Pass trasporti, quando potrebbe arrivare una decisione?

Un punto quest’ultimo che potrebbe nascere anche dalla difficoltà di effettuare controlli che, invece, potrebbero essere ad esempio molto più agevoli in altri contesti. Basti fare riferimento, ad esempio, ad un aeroporto dove esibire un Qr code e controllarlo prima di un imbarco sarebbe un’operazione meno complicata rispetto al doverla fare in altri ambiti.

Restando il dubbio su quale potrebbe essere la data dell’entrata in vigore di una decisione di questo tipo, c’è quella del momento in cui la decisione potrebbe essere maturata. È attesa, infatti, per martedì la Cabina di Regia che dovrebbe affrontare la questione. A quel punto, probabilmente attraverso un decreto, si chiarirà se le ipotesi relativi ai citati orientamenti troveranno riscontro nella regolamentazione che potrebbe arrivare.