Festa del Papà 2017: data, lettera, lavoretti e ricetta zeppole di San Giuseppe

Quando è la Festa del Papà? Data, lettera, tradizioni, idee per i lavoretti e la ricetta dei dolci di San Giuseppe: ecco tutto quello che c’è da sapere sulla Festa del Papà 2017.

Festa del Papà 2017: che giorno è? Come dimenticare la data della festività che celebra i papà di tutti? Figli grandi e piccini hanno già iniziato ad attrezzarsi, e in questo articolo vediamo tutto quello che c’è da sapere sulla Festa del Papà.

In molti si chiedono quando è la Festa del Papà, una domanda che può essere legittima perché in ogni parte del mondo è celebrata in una data diversa: per noi in Italia, come nella maggior parte dei Paesi a tradizione cattolica, la Festa del Papà si festeggia il giorno di San Giuseppe anche se è una festività civile e non religiosa, mentre in altri Paesi cade addirittura in estate, nella terza domenica di giugno.

I più distratti non ricordano la data, ma sanno che si sta avvicinando la festività in cui i figli di tutte le età rendono omaggio ai loro papà, celebrando un legame inossidabile e senza tempo. Infatti quando è la Festa del Papà sono coinvolte le famiglie intere, con i figli più piccoli che omaggiano i genitori con una lettera, una poesia o con i lavoretti svolti a scuola, mentre i più grandi si sbizzarriscono nelle idee regalo più particolari, dal libro fino ai dolci tipici, di cui vi proponiamo la ricetta.

Per coloro che sono lontani dalle famiglie e non possono raggiungere fisicamente i propri papà, è importante non dimenticare di fare gli auguri, cercando di rendere felici i propri genitori.

In questo articolo vediamo le tradizioni di ogni cultura, con un occhio di riguardo alle origini della Festa del Papà come la festeggiamo noi. Inoltre, tutte le informazioni su quello che c’è da sapere, la data, che giorno è la Festa del Papà e quale invece la Festa della Mamma. Le mamme devono aspettare ancora un po’ per essere omaggiate dai figli, mentre invece per i papà la data della loro festa è il 19 marzo 2017.

Quando è la Festa del Papà 2017? Data e origini

Come abbiamo accennato sopra, la Festa del Papà non si celebra ovunque nello stesso giorno, ma ha una data diversa a seconda delle diverse parti del mondo.
Ad esempio, da noi in Italia è festeggiata sempre il 19 marzo, nel giorno di San Giuseppe, poiché è strettamente legata alla tradizione religiosa: Giuseppe era il papà in terra di Gesù e, nel giorno in cui viene celebrato, si festeggiano tutti i papà.

Chi ricorda questo è già a buon punto, ma molti si chiedono perché San Giuseppe è celebrato proprio il 19 marzo. Il culto del santo risale addirittura al quarto secolo ma è attorno all’anno Mille che si è diffusa fino a che nella seconda metà del Quattrocento Papa Sisto IV inserì la festività nel calendario romano. Fu poi Papa Gregorio XV a estendere il culto a tutta la Chiesa Cattolica. La festa civile, inteso come giorno festivo, fu osservata in tutta Italia fino al 1977.

Quando è la Festa del Papà nel mondo?

Comes sempre in Italia la Festa del Papà cade nella seconda metà di marzo, e quest’anno viene di sabato, in un weekend a ridosso della Primavera, come anche negli altri Paesi a tradizione cattolica come in Spagna, in Portogallo e in Inghilterra.

Fa eccezione l’Irlanda, notoriamente Paese cattolico, ma in cui la Festa del Papà si festeggia la terza domenica di giugno, così come negli Stati Uniti. Questo perché la sua istituzione è stata voluta da Sonora Smart Dodd nel 1909, e questa scelse di festeggiarla per la prima volta il 19 giugno, nel giorno di compleanno di suo padre.

In Germania la Festa del Papà coincide con il giorno dell’Ascensione, una festa cristiana che cade il giovedì quaranta giorni dopo Pasqua. Questa festa, chiamata anche Männertag (“giorno degli uomini”) ed è famosa per una particolare, quanto discussa, tradizione. Infatti, nel giorno della Festa del Papà gli uomini si riuniscono in comitive spingendo un carretto ricco di alcolici, in quello che viene definito come un “pomeriggio incasinato e ubriaco”.

In Russia invece si festeggia il 23 febbraio, per la festa dei difensori della patria, mentre in Thailandia il 5 dicembre, durante il giorno di compleanno del sovrano Rama IX, ritenuto il “padre della nazione”.

Festa del Papà 2017: lavoretti, lettera e poesia per i più piccoli

Se volete che i vostri figli o fratellini realizzino qualcosa per il papà, bastano le idee più semplici per rendere i genitori felici. Ad esempio, un bel lavoro di pittura magari impreziosito dal fatto che non sia eseguito su semplice carta, bensì su una tela.

Non importano le dimensioni, ma un quadruccio molto piccolo potrebbe sicuramente essere tenuto più facilmente nella propria postazione lavorativa e ogni giorno il papà può vedere il lavoretto dove magari campeggia una scritta affettuosa e semplice come Mi manchi papà!

Lo stesso vale per una lettera, magari con una filastrocca o una poesia adatta. Tra le frasi migliori c’è questa dello scrittore australiano Markus Zusak:

“A volte penso che mio padre sia una fisarmonica. Quando lui mi guarda e sorride e respira, sento le note”.

L’importante è che il biglietto sia personalizzato e che ogni gesto sia fatto con il cuore.

Festa del Papà 2017: le tradizioni

Nonostante in Italia la Festa del Papà sia sempre stata celebrata, ci sono diverse tradizioni da regione a regione. Ad esempio, dato che San Giuseppe è il santo protettore degli orfani e dei più sfortunati, in alcune zone della Sicilia la tradizione vuole che si condivida il pranzo del 19 marzo con i poveri e i più bisognosi.

In altre zone d’Italia, invece, la Festa del Papà è legata alla preparazione di alcuni dolci tipici. I più diffusi sono le Zeppole di San Giuseppe, dei bignè ripieni di crema o marmellata che solitamente vengono fritti.

Inoltre, spesso in occasione della Festa del Papà si fanno dei piccoli regali. Ad esempio, quest’anno potrete regalare una cravatta, oppure un profumo. Se invece volete più dettagli sui regali da fare a un uomo, sia in occasione della Festa del Papà sia per qualsiasi altra ricorrenza, potete leggere: Festa del papà 2017, cosa regalare? Ecco 5 idee regalo originali e low cost.

Festa del Papà 2017: come cucinare le Zeppole di S.Giuseppe? La ricetta

Le zeppole di San Giuseppe sono un dolce originario dell’Italia meridionale, simbolo della festa del Papà. La ricetta tradizionale della zeppole di San Giuseppe apparteneva al ricettario del 1837 di Ippolito Cavalcanti, e ancora oggi, anche se c’è chi na ha apportato delle variazioni, è uno dei vanti della pasticceria italiana.

Come prima cosa, vediamo quali sono gli ingredienti per preparare delle ottime zeppole:

Per l’impasto:

  • 300 grammi di farina;
  • mezzo litro di acqua;
  • zucchero a velo (quanto basta);
  • 50 grammi di burro;
  • 6 uova.

Per la crema

  • 2 uova;
  • 100 grammi di zucchero;
  • 8 grammi di farina;
  • 50 cl di latte.

Avete preso tutti gli ingredienti? Allora adesso siete pronti per la fase della preparazione:

  • come prima cosa mettere un fornello sul fuoco, a fiamma media, e mettete a scaldare l’acqua con il burro e un pizzico di sale;
  • non appena l’acqua sarà abbastanza calda, versate la farina setacciata e mescolate con una frusta, per circa 10 minuti, fino a quando il composto non sarà omogeneo;
  • spegnete il fuoco e aggiungete le uova;
  • continuate a girare per amalgamare il tutto;
  • lasciate riposare e nel frattempo dedicatevi alla preparazione della crema pasticcera;
  • mescolate lo zucchero con i tuorli dell’uova, la farina setacciata, il latte e la scorza di limone;
  • mettete il tutto sul fuoco (fiamma non molto alta) e mescolata continuamente per evitare la formazione di grumi;
  • lasciate riposare;
  • a questo punto possiamo prendere il composto per le ciambelle per riempire una sacca da pasticcere;
  • formate le ciambelle e friggetele nell’olio ben riscaldato fino a quando non assumeranno un colore dorato;
  • asciugate le zeppole con un tovagliolo di carta e non appena si saranno freddate riempitele con la crema pasticcera che avete preparato. In cima alla zeppola potete porre un’amarena per dare un tocco in più al vostro dolce.