Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Alimentazione

Fagioli: quali sono le varietà principali?

Esistono centinaia di varietà di fagioli, ognuna con colori, dimensioni e gusti differenti. Impariamo a conoscere perfettamente le tipologie più conosciute a utilizzate.

I fagioli appartengono alla famiglia delle leguminose e sono originari del Brasile e dell’Argentina. Di fagioli ne esistono veramente molte varietà differenti e ognuna di esse possiedono qualità uniche dal punto di vista organolettico. Scopriamo quali sono i più conosciuti e quali sono le proprietà che possiedono.

Varietà di fagioli

Le varietà di fagioli esistenti sono molte, infatti ci sono svariate centinaia di tipi di questo legume. In realtà solo una sessantina di questi risultano commestibili e quelli più conosciuti sono decisamente meno. Vediamo insieme le caratteristiche dei principali tipi di fagioli.

Fagioli Borlotti

I fagioli Borlotti sono certamente la tipologia di fagioli più conosciuta e venduta in Italia. Sono stati originariamente importati dal Sud America e con il tempo hanno trovato terreno fertile anche nella nostra nazione. La caratteristica principale è il colore beige che tende al rosato, inoltre sulla buccia appaiono chiazze più scure simili alla ruggine tra il rosso e il marrone. In generale vengono utilizzati per preparare zuppe, minestre, vellutate e anche all’interno di insalate. Sono apprezzati in particolare all’interno di zuppe rustiche e si usano anche per fare la pasta ai fagioli e le cotiche con i borlotti.

Fagioli Bianchi di Spagna

I fagioli Bianchi di Spagna sono conosciuti anche come fagioli corona o fagioli ciabattoni. Sono di dimensione abbastanza grande e hanno una buccia bianca. Il sapore è delicato e la polpa risulta tenera. In Italia sono consumati spesso al Sud e solitamente si usano per preparare tonno, cipolla e fagioli.

Fagioli Cannellini

I fagioli Cannellini sono una varietà molto conosciuta in Italia, presentano una forma più piccola e cilindrica. La buccia di colore bianco è sottile e il sapore è particolarmente deciso. Sono ottimi bolliti e poi saltati in padella con cipolla tritata per esaltarne il sapore. Sono perfetti anche per realizzare minestre, zuppe e insalate, ma anche per creare buger vegetariani oppure creme da spalmare su fette di pane.

Fagioli con l’occhio

I fagioli con l’occhio sono di dimensioni molto ridotte e presentano una buccia particolare: bianca con una macchia scura nel punto in cui il fagiolo tocca il bacello. È il più antico tra i fagioli coltivati in Italia e risulta anche l’unico ad essere conosciuto in Europa prima che gli altri venissero importati dal Sud America. Prima di essere cucinati hanno bisogno di sole poche ore di ammollo e risultano poveri di grassi.

Fagioli rossi

I fagioli rossi sono tipici della cucina messicana e vengono usati in particolare per il chili con carne oppure sono serviti con riso e carne. Hanno una polpa farinosa e un sapore dolciastro, le dimensioni sono medie.

Fagioli neri americani

I fagioli neri sono tipici dell’America centrale e meridionale. Hanno una buccia nera e lucida, le dimensioni sono piuttosto piccole. Il sapore è deciso e leggermente dolciastro. Sono utilizzati per creare salse, puree e anche contorni. Si abbinano alla perfezione con i cibi piccanti e sono ricchi di sali minerali.