Autore: Cecilia Vecchi

Dukkah: la spezia egiziana che rallegra i tuoi piatti

Il dukkah è una miscela di frutta secca, semi e spezie tipica dell’Egitto, che può essere fatta senza problemi con i nostri ingredienti. Serve per ravvivare insalate, creme, verdure o qualsiasi altra piatto tu voglia.

Il dukkah o la dukkah, come lo chiamano in alcuni luoghi, è una deliziosa miscela di frutta secca, semi e spezie dai molteplici usi. È abbastanza comune in Medio Oriente, soprattutto in Egitto, ma prima che il dubbio ti assalga sul fatto che non lo potrai mai fare, ti anticipiamo che non è affatto vero. Anzi.

Prima di tutto i suoi ingredienti si trovano in qualunque supermercato, poi è rapidissimo da fare, ci vogliono circa 3 minuti e ultima, ma fondamentale osservazione, si mette dappertutto, in assoluto.

In Egitto, tradizionalmente, il dukkah veniva usato dalla gente povera nelle umili pitas, il pane bagnato nell’olio, per dare un po’ di sostanza e proteine alla propria alimentazione. Ora si mette anche sopra un’insalata, semplici verdure cotte, nella pasta, la carne o il pesce, nelle creme o nello yogurt per migliorarne esponenzialmente il sapore.

Eliminate le tue reticenze ti spieghiamo come prepararti il dukkah casalingo, ricordandoti che, non solo è una ricetta molto semplice ed efficace, ma anche personale. Gli ingredienti infatti, possono essere sostituiti a tuo gusto.

Come preparare il dukkah: ingredienti

  • 40 gr di nocciole tostate pelate
  • 40 gr di arachidi
  • 2 cucchiai di sesamo
  • 1/2 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaino di origano secco
  • 1 cucchiaino di paprika dolce
  • 1/2 cucchiaino di sale

Procedimento per la preparazione del dukkah

Non è indispensabile, ma se si vuoi esaltarne il sapore, puoi precedentemente tostare in una padella calda il sesamo e il cumino, a fuoco medio per circa 5 minuti, facendo attenzione che non si brucino.

Ed ora tritura tutti gli ingredienti in un mortaio o un robot da cucina senza esagerare: deve diventare granulato, non in polvere. E il tuo dukkah è fatto!

Se non hai le nocciole o gli arachidi, puoi sostituirli con anacardi, noci, mandorle, pinoli o pistacchi. Semi di girasole, di zucca o di finocchio sono i benvenuti. Anche le spezie ammettono tutte le variazioni che vuoi; nulla ti impedisce di aggiungere pepe nero, paprica piccante, curcuma o coriandolo.

Idee concrete per il dukkah

E se ti stai chiedendo come come usare concretamente il tuo dukkah, ecco le risposte. Ti serviamo qualche idea per dare fragranza e sapore ad alcuni piatti facili e appetitosi.

Preparati un hummus fatto in casa, stendilo su un piatto, cospargi una generosa quantità di dukkah e mescola il tutto con una buon dose di olio extra vergine di oliva. Ancora più facile: fai lo stesso ma con lo yogurt greco e il sale al posto che l’hummus.

Se vuoi rimanere sui sapori più nazionali griglia le verdure che hai in casa, aggiungi un po’ d’olio, aceto, sale e una generosa quantità di dukkah sopra.

Puoi inserirlo su qualsiasi crema vegetale, ad esempio di zucca, di asparagi, di piselli o di carciofi; così come nella pasta al pomodoro vedrai come migliora il gusto. Anche sulla carne e il pesce, non avere timori. Preparati una buona bistecca ai ferri o un branzino con salsa di olive e cospargili con il dukkah.

Per quanto si conserva il dukkah?

Non avendo un ingrediente umido in cui possano svilupparsi batteri indesiderati, il dukkah resiste fino a 1 mese in un contenitore ermeticamente chiuso. Ma non prolungherei la sua vita molto di più: la frutta secca può diventare rancida, mentre le spezie e le erbe perdono aroma.