Autore: Costantino Ferrulli

Serie tv e Fiction

Doc – Nelle tue mani, Pierpaolo Spollon: “Vorrei un amico come Riccardo”

Il giovane attore veneto svela il rapporto con il suo personaggio e i suoi inizi nel mondo della recitazione

Dopo 16 episodi finalmente sembra che l’amore tra gli specializzandi Riccardo Bonvegna (interpretato da Pierpaolo Spollon) e Alba Patrizi (interpretata da Silvia Mazzieri) sia sbocciato.

Il loro bacio, sul finire dell’episodio intitolato Perdonare e perdonarsi, andato in onda giovedì 5 novembre, è stato uno dei momenti più attesi dagli oltre 7 milioni e mezzo di telespettatori che seguono la fiction Doc – Nelle tue mani.

Un momento che lo stesso Spollon ha sottolineato con ironia sul proprio profilo twitter: “Notizia ansa dell’ultima ora. Il bacio Alba Riccardo era talmente atteso che è stato sufficiente per metterla incinta. Stop alle telefonate.

L’inizio travagliato della carriera di Pierpaolo Spollon

Proprio il giovane attore 31enne, originario di Padova, è stato protagonista di un’intervista rilasciata per TV Sorrisi e Canzoni , in edicola questa settimana.

Il racconto di Pierpaolo, o se preferite Riccardo, ha svelato sia alcuni episodi della sua vita privata, che qualche rivelazione sul set della serie TV di Rai 1.

L’avvicinamento alla carriera cinematografica per il giovane attore non è stato semplice, visto che i genitori non vedevano di buon occhio il suo interessamento alla recitazione.

Pierpaolo Spollon ha, infatti, rivelato un curioso episodio relativo al suo primo provino. In particolare sua madre, preoccupata si trattasse di una finta produzione, era contraria all’idea del figlio, che, di nascosto, prese in prestito senza dir nulla, o meglio rubò, la macchina alla nonna per andare al provino.

Si trattava di una miniserie televisiva sul mondo delle sette sataniche, Nel nome del male. Dopo aver passato la prima selezione, Pierpaolo Spollon chiese alla produzione di tranquillizzare i genitori, e dalla volta successiva, non fu più necessario prendere l’auto della nonna, visto che fu accompagnato dal padre.

L’approccio di Pierpaolo Spollon al mondo ospedaliero

Il giovane attore veneto ha anche raccontato il suo approccio alla serie Doc – Nelle tue mani , ed in particolare l’avvicinamento al mondo ospedaliero.

Il ragazzo, che nell’episodio L’imprevisto , ha anche dimostrato di saper utilizzare un defibrillatore, ha svelato di aver passato due settimane all’Ospedale Gemelli di Roma, per studiare da vicino, come operano medici e infermieri.

L’essere presente all’arrivo di nuovi pazienti, gli ha fatto imparare, guardando i medici, come riuscire ad avere il giusto distacco nel momento dell’azione.

I trucchi per interpretare Riccardo

Pierpaolo Spollon ha svelato che vorrebbe avere Riccardo, il personaggio che interpreta nella fiction, come amico anche per via di quelle sue sottili e improvvise battute.

Molti si sono chiesti quali sono stati gli effetti utilizzati per mostrare la protesi, che ovviamente Pierpaolo non ha.

L’attore ha raccontato che per le scene frontali, piegava la gamba e appoggiava il ginocchio sulla protesi, nell’elaborazione delle immagini veniva poi cancellata la parte superflua alla scena.

Mentre per le scene di spalle, è stato utilizzato come controfigura un 14enne, che ha veramente perso la gamba.