Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Agevolazioni fiscali

Detrazione del 50% per il cambio serratura della porta blindata

Chi desidera cambiare la serratura della porta blindata può ottenere la detrazione del 50% grazie al bonus sicurezza 2021.

Cambiare la serratura della porta blindata permette di ottenere una detrazione del 50% in quanto si tratta di uno dei lavori concessi dal bonus sicurezza 2021. La sostituzione della serratura rientra infatti tra le azioni eseguite per mettere in sicurezza la propria casa. Ricordiamo che il bonus sicurezza permette di detrarre la metà delle spese avute per un limite massimo di 96 mila euro.

Questa detrazione fiscale può essere richiesta in diversi casi come ad esempio per l’installazione di telecamere di sicurezza, installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti, rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate e anche sostituzione della serratura di una porta blindata.

Cambio serratura della porta blindata: quando richiedere la detrazione

Per richiedere la detrazione fiscale dopo aver effettuato un cambio di serratura della porta blindata è necessario aderire al bonus sicurezza 2021. Questo risulta possibile nel caso in cui la sostituzione della serratura rientri tra i lavori utili per la messa in sicurezza della propria abitazione.

È chiaro infatti che la motivazione per cui si decide di cambiare una serratura della porta blindata è di solito quella di sceglierne una di ultima generazione che risulta essere più sicura contro i ladri. Questa scelta contribuisce infatti ad aumentare la sicurezza della propria casa, riducendo di conseguenza le possibilità che estranei e malintenzionati possano entrare in casa.

In realtà risulta possibile sfruttare il bonus del 50% per il cambio della serratura della porta blindata anche nell’eventualità n cui non vengano effettuati lavori di ristrutturazione dell’abitazione. Vogliamo fare presente comunque che per ottenere la detrazione fiscale in questione è necessario che venga sostituita una serratura di una porta blindata già esistente.

Nel caso in cui ci sia una nuova installazione infatti non si ha diritto all’incentivo economico. Ricordiamo anche che il bonus è richiedibile da proprietari o nudi proprietari, locatari, comodatari, familiariconviventi e anche da chiunque abbia un diritto di godimento come nel caso di uso, usufrutto, abitazione o superficie.

Per poter beneficiare della detrazione relativa alla metà della spesa sostenuta per il cambio della serratura della porta blindata bisogna effettuare i pagamenti in maniera corretta. Solo pagando con sistemi tracciabili, ossia tramite bonifico bancario o postale di tipo speciale che riporti il codice fiscale di chi effettua il pagamento, causale del versamento e il numero della partita IVA (o codice fiscale) dell’azienda venditrice. Effettuare il pagamento in questo modo risulta indispensabile perché permette sempre di provare l’avvenuta spesa.

Bonus sicurezza 50%: di cosa si tratta?

Nel 2021 è possibile usufruire della detrazione IRPEF del 50% prevista dal bonus sicurezza. Questo bonus casa rientra tra i numerosi aiuti economici per chi decide di effettuare lavori edilizi nella propria abitazione. La detrazione fiscale è richiedibile nel caso in cui vengano acquistati e installati dispositivi e sistemi volti a prevenire eventi come furti, aggressioni, sequestri di persona e incidenti domestici.

In particolare, gli interventi concessi comprendono i sistemi antifurto, videosorveglianza professionale a circuito chiuso (TVCC), videocitofonia e controllo degli accessi ma anche dispositivi per la protezione da allagamenti, fughe di gas, e incendi. Si possono fare anche lavori relativi a recinzioni, cancellate e anche la sostituzione delle serrature delle porte blindate.

Leggi anche: Bonus caldaie 2021: ecco in cosa consiste