Cultura nel caos, crollo investimenti e sponsorizzazioni: di chi è la colpa?

La crisi colpisce la cultura e il calo è di quelli eccezionali: nel 2012, infatti, gli italiani sono andati di meno a cinema, a teatro, ai concerti e alle mostre d’arte, oltre al fatto che si leggono meno libri (ma questa non è una novità), mentre i musei hanno perso un visitatore su 10.

La colpa è del sistema

Il Rapporto di Federculture lancia l’allarme sul settore, ma avverte: il problema non è solamente imputabile alla crisi. Nonostante tutto, agli italiani la cultura piace. Il problema è da imputarsi al sistema. Basti considerare che i visitatori dei musei statali italiani superano leggermente quelli di Londra, ad esempio.

E’ proprio il presidente di Federculture, Roberto Grossi, a lanciare l’allarme:

Siamo in un tunnel: si registra una completa assenza di fiducia, anche tra gli operatori del settore, e tutto questo a causa di leggi stupide. La responsabilità cade sulla totale assenza di programmazione e su una politica debole che allontana i privati.

Eppure la cultura ha capacità produttiva

Alla luce di quanto diffuso dal rapporto 2012 sulla cultura stilato da Unioncamere e Symbola, si evidenziava invece un potenziale produttivo del Pil di quasi il 5% da parte della cultura, capace di coinvolgere centinaia di migliaia di imprese e di creare posti di lavoro.

Ciò denota come la colpa del sistema evidenziata da Grossi sia effettivamente non priva di ragione. Basti considerare l’esempio Pompei, emblema di una noncuranza del governo per quello che da più parti, e non a torto, viene definito il vero petrolio del Paese.

Le cifre nel dettaglio

Nel dettaglio, dai 72 miliardi del 2011 si è scesi ai 68,9 miliardi di spesa «culturale» del 2012. Il settore che ne ha risentito di più è quello dei concerti (-8,7%), seguito dal teatro (-8,2%), dal cinema (-7,3%) e dai musei (-5,7%).
A pesare la mancanza delle attenzioni statali e soprattutto degli investimenti privati, con un crollo delle sponsorizzazioni (-9,6% rispetto all’anno scorso, -42% rispetto al 2008).

Bologna e Torino sono le città italiane che hanno più risentito della crisi della cultura, registrando un calo rispettivamente del 17,7% e del 14,7%. Male anche Roma e Milano, con una riduzione del 6,3% e del 5,7%. Sugli scudi, invece, Firenze e Venezia, con un incremento rispettivo dell’8,3% e del 4,8%.