Covid: uno studio spiega che probabilmente quarantene a fasi alterne fino al 2025

Covid: uno studio spiega che probabilmente quarantene a fasi alterne fino al 2025

Da uno studio collegato all’Università di Harvard si apre ad uno scenario davvero inquietante per il Coronavirus

Con il vaccino finalmente potremo dire di aver sconfitto il virus, questo ciò che pensano molti tecnici e molti esponenti della nostra politica. Per esempio, fu questa l’affermazione anche del Ministro della Salute, Roberto Speranza alla trasmissione “Di Martedì” su La7, con il Ministro ospite del conduttore Gianni Floris in collegamento da casa sua.

In Gran Bretagna hanno iniziato a vaccinare la popolazione, mentre nel resto d’Europa probabile che si attenda gennaio. Il vaccino quindi è la buona notizia che in queste settimane sta facendo tornare il buon umore anche agli italiani, inevitabilmente spossati da questi lunghi mesi di pandemia.

Il fatto che il vaccino sia fondamentale è confermato anche da innumerevoli studi, ma deve essere un vaccino efficace, perché altrimenti la vita di oggi rischia di restare identica anche per i prossimi 3 o 4 anni. Lo conferma una ricerca prodotta su Science dalla Scuola di salute pubblica T. H. Chan dell’Università di Harvard.

Quarantene fino al 2025

La ricerca collegata all’Università di Harvard apre ad uno scenario che forse, l’imminente arrivo dei vaccini ha allontanato dalla memoria di tutti. In assenza di farmaci che davvero si dimostreranno efficaci contro il SarsCoV2, si avranno ritorni del Covid, ondata dopo ondata, fino al 2025.

In pratica, come si allenteranno le misure restrittive, come si allenterà il freno, a fasi alterne si dovrà tornare a chiusure e limitazioni. E questo senza vaccini efficaci, non avrà fine fino al 2025. Questo si legge su un articolo pubblicato sulla pagina ufficiale del quotidiano torinese “La Stampa”.

“In assenza di farmaci e vaccini davvero efficaci, di misure di distanziamento sociale a singhiozzo fino al 2022 e ritorni periodici del coronavirus fino al 2025. Tutte le simulazioni, frutto di un modello matematico, mostrano, infatti, che il contagio rischia di riprendere non appena vengono allentate le restrizioni”, questo ciò che si legge sul quotidiano che riporta l’esito dello studio di Science dalla Scuola di salute pubblica T. H. Chan dell’Università di Harvard.

Il virus continuerà a circolare come i normali virus influenzali

Si continua a dire che il Covid sia un virus del tutto simile alle normali influenze, almeno come sintomi, perché naturalmente si tratta di una malattia ben più grave. E come tutte le influenze, nella ricerca si evidenzia che senza cure e vaccini che si dimostrino davvero efficaci, il virus SarsCoV2 potrebbe continuare a circolare ogni stagione, proprio come tutti gli altri virus delle influenze.

Lo studio di questi ricercatori, diretti da un noto immunologo, il Professor Stephen Kissler ha calcolato con formule matematiche ciò che sarà il Covid da qui a 5 anni. Sembra che da questo studio matematico, ogni simulazione prodotta mette in luce che il contagio ripartirebbe ogni qual volta le misure di contenimento oggi in vigore, cioè le quarantene, i copri fuoco, i divieti e le limitazioni, verranno allentate.