Autore: Giacomo Mazzarella

Coronavirus

Covid, la classifica dei contagi: i numeri, l’Italia è ultima

Il coronavirus circola ancora, ma in Italia la situazione appare migliore del resto d’Europa.

Per carità, il coronavirus è ancora in circolo, la pandemia non è stata sconfitta, e in molti paesi del Mondo e dell’Europa i contagi non sono arrivati ancora al fatidico picco. Ma in Italia sembrano lontani i tempi del lockdown, delle bare sui camion dell’esercito, delle terapie intensive al collasso e dell’emergenza massimale.

Sono lontani i tempi delle navi di italiani respinte dai porti di mezzo mondo, del divieti sui voli in arrivo dall’Italia e così via. Gli italiani non sono più untori, lo dimostrano i numeri di un articolo sul sito «affariitaliani.it». Italia ultima in classifica in fatti di contagi, un ultimo posto positivo quindi.

Il Covid in Europa, l’Italia sta messa meglio

Mai un ultimo posto è bello come quello della classifica dei contagi da coronavirus. E l’Italia è tra i Paesi europei all’ultimo posto in fatto di contagi da Coronavirus. La mappa della pandemia in Europa non mente, soprattutto perché si tratta di numeri ufficiali, prodotti dal centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, l’Ecdc. L’Italia è stato il primo Paese ad essere colpito dalla pandemia in Europa.

Già a febbraio e marzo, quando nel resto d’Europa i contagi erano minimi. Da noi invece, nel lodigiano scoppiava il finimondo che tutti conosciamo. I sacrifici degli italiani, che hanno assecondato alla lettera i diktat del governo sul lockdown e sulle misure restrittive, hanno prodotto il risultato di detonare la pandemia, che ripetiamo, non è sconfitta, ma i numeri italiani inducono alla fiducia, soprattutto se si paragonano a quelli degli altri Paesi europei.

La classifica europea dei contagi

La classifica dei contagi in Europa stilata da l’Ecdc, e di cui tratta il sito «affaritaliani.it», segna l’Italia in coda alla non certo positiva classifica del Covid. La classifica si riferisce alle ultime due settimane di luglio ed è stilata in percentuale ogni 100.000 abitanti.

Il primo posto in classifica lo conquista la Romania con il 75.1%. in pratica, oltre 75 contagiati ogni 100.000 abitanti. La situazione in Romania è molto attenzionata dal Ministero della Salute che infatti ha disposto la quarantena di 14 giorni per chi rientra dal paese balcanico. Il nostro governo quindi è attento a ciò che succede intorno all’Italia, soprattutto per il fatto che dalla Romania l’Italia attinge moltissimi lavoratori molti nel settore domestico. A dire il vero, negli ultimi 14 giorni il numero massimo di contagi si è registrato nel piccolo Lussemburgo, con circa 230 casi su 100.000 abitanti.

Dopo la Romania, nella classifica Ecdc c’è la Spagna con il 60,2%, la Bulgaria con il 46,6%, il Belgio col 39,8%, la Svezia col 30,7% e Malta col 30,4%. Sopra l’Italia che resta poco sotto il 6%, ma nettamente distanziate dei paesi Prina citati, le vicine Francia e Germania, rispettivamente con il 19,8% e il 10%. Meglio dell’Italia in base ai dati delle ultime due settimane, Ungheria e Finlandia, col 2,2% i primi e con il 2,4% i secondi.