Covid, come evitare la variante inglese? Pregliasco: «No agli spostamenti fino al 7 gennaio»

Covid, come evitare la variante inglese? Pregliasco: «No agli spostamenti fino al 7 gennaio»

Pregliasco: «Variante inglese? Evitare spostamenti fino al 7 gennaio»

La variante inglese del Coronavirus inizia a preoccupare, il virologo dell’Università di Milano, in un’intervista al Messaggero ha fatto il punto della situazione di questa nuova variante che sta facendo paura anche in Italia.

Fabrizio Pregliasco ha espresso il suo parere consigliando a tutti di essere più responsabili e di rispettare fermamente tutte le misure di sicurezza. «Siamo alla seconda ondata, ma rischiamo un rialzo davvero pericoloso».

Da quanto tempo circola la variante inglese del Covid?

Per l’esperto, la nuova variante circola tra noi da diverso tempo ma non è facile stabilire l’entità dei casi, «però, la presenza di questo virus più contagioso potrebbe essere una dimostrazione del fatto che la curva dei contagi non sta scendendo abbastanza velocemente. Spiegherebbe in sostanza il numero così alto di contagi che ci sono in questo periodo». Ma è ancora tutto da dimostrare. Pregliasco ha spiegato che questa mutazione ci mette di fronte alla necessità di aumentare la nostra responsabilità personale.

"Dobbiamo vivere purtroppo con la considerazione che ogni contatto interpersonale rappresenta un rischio. Occorre seguire le stesse precauzioni di prima ma con maggiore attenzione".

Il virus è sempre lo stesso, si trasmette allo stesso modo. Fabrizio Pregliasco ha concluso la sua intervista raccomandando gli italiani di evitare gli spostamenti non essenziali almeno fino al 7 gennaio.

La nuova variante Covid spaventa il Regno Unito: code ai supermercati e camion fermi a Dover

Il Regno Unito sta affrontando molte difficoltà dopo la scoperta di questa nuova variante del virus. Da ore chilometri di camion sono bloccati al porto di Dover, il terminale da cui passano le merci fra il Continente e la Gran Bretagna.

La Francia ha bloccato le frontiere chiudendo l’Eurotunnel sotto la Manica. Sono state sospese le rotte marittime. Anche i cittadini inglesi sono allarmati, già dalle sei del mattino la gente si è messa in coda davanti ai supermercati in attesa dell’apertura. Il timore è di non riuscire a completare gli approvvigionamenti. La situazione nel Paese sta diventando molto delicata.