Covid: Speranza annuncia un’estate con meno limitazioni

Covid: Speranza annuncia un'estate con meno limitazioni

Roberto Speranza, Ministro della Salute, ha dichiarato che in estate saranno possibili i viaggi con il pass vaccinale.

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha rilasciato alcune dichiarazioni molto importanti in un’intervista rilasciata al Messaggero. Dalle parole del Ministro trapela infatti un cauto ottimismo che fa ben sperare gli italiani che stanno vivendo momenti difficili a causa delle restrizioni imposte dal Governo per bloccare i contagi. Secondo Speranza in estate ci saranno infatti meno limitazioni per i cittadini italiani che, grazie al passaporto vaccinale che l’UE spera di rendere operativo da giugno, potranno anche tornare a viaggiare.

Speranza: «Estate con meno limitazioni e viaggi con passaporto vaccinale»

Roberto Speranza, Ministro della Salute italiano, ha spiegato in un’intervista rilasciata al Messaggero che la situazione in italia è ancora molto serie, ma nonostante questo «Si vedono i primi segnali di contenimento del contagio che sono effetto delle misure attuate che stanno funzionando». Il Ministro ha spiegato che le chiusure in Italia nel periodo di Pasqua sono fondamentali in quanto «gli scienziati ci dicono che nel contesto epidemiologico in cui siamo la zona gialla non è sufficiente».

Con queste parole Speranza ha replicato a Matteo Salvini che nei giorni scorsi aveva insistito molto sulla riapertura immediata dopo Pasqua. «La pressione sui nostri presidi sanitari è altissima. Non possiamo permetterci di fare un passo troppo lungo o vanificheremo immediatamente i sacrifici fatti», ha spiegato poi Speranza nel corso dell’intervista.

«Tutti vogliamo tornare a misure meno restrittive ma dobbiamo essere realisti dire sempre come stanno veramente le cose. Io sono fiducioso che con l’accelerazione della campagna di vaccinazione il quadro possa migliorare, ma oggi la situazione non può in nessun modo essere sottovalutata», ha chiarito Roberto Speranza.

Roberto Speranza ha spiegato che è bene procedere in maniera cauta e non fare passi troppo grandi che potrebbero vanificare ogni sforzo fatto fino a questo momento. «Valuteremo settimana dopo settimana l’evoluzione del contagio. Ci sarà comunque bisogno di gradualità», ha afferato il Ministro della Salute.

Alcune persone sostengono che la situazione attuale sia simile a quella dello scorso anno, ma Speranza non accetta questo modo di pensare in quanto «Chi dice che siamo messi come un anno fa non racconta la verità. Abbiamo superato 250mila dosi di vaccino in 24 ore e in settimana raggiungeremo 10milioni di somministrazioni».

Il Ministro non vuole fare delle previsioni di riapertura, infatti secondo lui «Non c’è un giorno X, in cui sarà magicamente tutto risolto, ma dobbiamo essere fiduciosi». Speranza ha spiegato che l’Unione Europea sta cercando di realizzare il passaporto vaccinale di cui tanto si è parlato. «A livello europeo si sta lavorando a un ’Green pass’ connesso prima di tutto alle vaccinazioni. Ci sarà un confronto serrato sulle modalità attuative, ma penso che sia la strada giusta per ricominciare a viaggiare in sicurezza», ha spiegato.

Come già dichiarato che da Brusaferro, anche secondo Speranza quindi la prossima estate sarà un po’ più libera per gli italiani che potranno tornare a vivere in maniera più simile a quella che è la normalità.