Covid, Ilaria Capua: «Il virus non andrà via neanche con il vaccino»

La virologa Ilaria Capua ha spiegato durante un intervento a Di Martedì su La7 che il Covid non sparirà con il vaccino e che quindi impareremo a conviverci.

Ilaria Capua è intervenuta ieri durante il talk di attualità Di Martedì in onda su La7 per fare il punto sulla situazione Coronavirus in Italia. La virologa, direttrice dell’UF One Health Center, ha spiegato che il vaccino Covid permetterà di ridurre la trasmissione del virus nel nostro Paese anche se «Il virus non andrà via, diventerà endemico».

Ilaria Capua fa il punto sulla situazione Covid in Italia

La virologa Ilaria Capua, intervenuta ieri nel corso del talk Di Martedì, in onda su La7, ha parlato a lungo del Coronavirus e della situazione vaccini nel nostro Paese. «Dobbiamo ricordarci che siamo in presenza di una variante molto contagiosa, quella inglese», ha spiegato la scienziate. Nonostante la situazione sia critica, «Dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno. Altri paesi europei hanno avuto oltre 1000 morti al giorno, in Italia non ci sono mai stati. C’è un aumento del contagio, ma per fortuna da noi il dato dei decessi è stazionario e mi auguro che presto la curva dei ricoveri inizierà a crollare», ha spiegato la Capua.

I numeri in Italia continuano quindi a preoccupare, ma secondo la virologa i vaccini riusciranno a migliorare la situazione Covid. «Non sono d’accordo con chi dice che le cose non funzionano. Tutti i vaccini registrati proteggono contro la morte e la malattia al 100%, certamente il virus continua a circolare laddove la popolazione non è tutta vaccinata, per questo parliamo di immunità di gregge da raggiungere al più presto», ha dichiarato l’esperta.

I vaccini sono quindi fondamentali per ridurre il numero di contagi e soprattutto il numero di morti. Secondo la Capua però con il Covid dovremo imparare a convivere. «Il virus non andrà via, diventerà endemico. La sua circolazione è attiva. Il vaccino azzera la malattia e riduce la trasmissione. Il vaccino Pfizer riduce del 90% la trasmissione con 2 dosi. Con una dose, la riduce dell’80%. Con la vaccinazione si riduce progressivamente la circolazione, che però non può essere azzerata», ha spiegato la scienziata.

Che il vaccino non faccia sparire il problema non è certamente una novità, infatti «Per molte altre infezioni si continua a vaccinare proprio perché i virus circolano ancora, altrimenti non ci sarebbe bisogno del vaccino. La transizione dalla fase pandemica a epidemica avverrà, avremo cluster qui e lì ma con la vaccinazione ridurremo la circolazione virale senza abbatterla del tutto, ma questo non è un problema», ha affermato Ilaria Capua rispondendo alle domande di Giovanni Floris, conduttore del talk Di Martedì.

In Italia si discute molto sulla campagna vaccinale, infatti in molti criticano i criteri che sono stati seguiti per decidere quali categorie di persone immunizzare per prime. «Ci sono determinate figure che vanno protette. Sappiamo che i rischi maggiori riguardano gli over 70, si poteva vaccinare a tappeto chi ha più di 70 anni», ha spiegato la Capua.