Covid Brasile: riesumate delle salme per far posto alle nuove vittime del virus

La situazione Coronavirus in Brasile continua ad essere drammatica, si registra infatti un decesso ogni 4 minuti.

Il Coronavirus in Brasile continua ad avanzare senza sosta. Nel territorio il numero di vittime sta crescendo giorno dopo giorno arrivando a un totale di 325.284 di persone che hanno perso la vita a causa dell’infezione da SARS-COV-2. Il numero di persone che hanno perso la vite in Brasile a causa di complicanze legate al virus è secondo solo agli Stati Uniti.

Brasile: riesumati cadaveri per far spazio alle vittime di Covid

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 92mila contagi e più di 3.700 le vittime. In alcune zone della nazione la situazione è più drammatica, infatti nello Stato di Sao Paulo c’è stato questa settimana un record di defunti, ma secondo l’OMS sono molte le zone del Brasile ad essere in condizioni preoccupanti. Per far spazio ai nuovi morti, in Brasile si è iniziato addirittura a riesumare vecchi cadaveri per avere lo spazio per le nuove vittime.

Il cimitero di Vila Nova Cachoeirinha, nella parte Nord di San Paolo, è il secondo cimitero del Brasile per dimensioni. Nel corso degli ultimi giorni qui sono state sospese le sepolture a causa dell’aumento di morti per Covid. Il quotidiano brasiliano Globo ha spiegato che molte famiglie hanno atteso per molto che i loro parenti defunti venissero seppelliti. Le autorità sono state addirittura costrette a riesumare delle salme anticipatamente allo scopo di poter seppellire i nuovi defunti.

Sempre il quotidiano Globo sottolinea che se lo Stato di San Paolo fosse una nazione a sé stante, sarebbe da sola all’undicesimo posto al mondo per numero di vittime. La situazione però è davvero critica anche in molte altre parti del Brasile. In particolare a preoccupare è ciò che sta succedendo nello Stato di Rio de Janeiro dove nella giornata di ieri sono stati registrati ben 387 defunti in sole 24 ore.

Stando a quanto riportato dal quotidiano brasiliano Globo, i numeri dei defunti di Rio de Jainero mostrano che qui muore una persona ogni 4 minuti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di «condizioni critiche» per molti Stati del Brasile e non solo per i due principali citati dal quotidiano. Infatti secondo l’OMS sarebbe essenziale cercare di arginare la pandemia che sta portando sempre più contagi e sempre più vittime.

Nel tentativo di migliorare la drammatic situazione, è arrivato anche l’appello di Rodrigo Pacheco, Presidente del Senato del Brasile. L’uomo ha chiesto alle Nazioni Unite di anticipare l’arrivo delle dosi di vaccino Covid previste dal Programma Covax.

«La situazione che stiamo affrontando è particolarmente drammatica. Dati confermati dall’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) attestano che il Brasile è diventato l’epicentro mondiale della pandemia con oltre 12 milioni di casi confermati e oltre 300mila morti e una accelerazione preoccupante della curva del contagio», ha detto Pacheco.