Covid Brasile: mancano i sedativi e i pazienti vengono legati per essere intubati

Covid Brasile: mancano i sedativi e i pazienti vengono legati per essere intubati

La situazione negli ospedali brasiliani peggiora sempre di più. Alcuni operatori sanitari hanno denunciato di aver dovuto intubare i pazienti Covid legandoli al letto perchè i sedativi erano finiti.

La situazione Cornavirus in Brasile sta peggiorando sempre di più. Dopo aver dovuto riesumare delle salme per seppellire le vittime del virus, nella nazione deve ora fare i conti con gli ospedali che sono davvero al collasso. Oltre al problema dei posti letto, gli operatori sanitari degli ospedali di Rio de Janeiro hanno denunciato di aver dovuto intubare i pazienti da svegli in quanto i sedativi erano finiti.

Brasile: pazienti Covid intubati da svegli e legati ai letti

In alcuni ospedali di Rio de Janeiro sono finiti i sedativi e per questo i pazienti che necessitano di ventilazione assistita sono stati intubati da svegli. A denunciare questo fatto sono stati gli operatori sanitari che stanno vivendo in prima persona una situazione realmente drammatica.

Un’infermiera dell’ospedale Albert Schweitzer di Realengo, nella zona orientale di Rio, ha raccontato al sito G1 la situazione. Secondo la donna ci sono alcuni pazienti Covid in gravi condizioni che sono stati intubati da svegli con le mani legate al letto dal momento che i sedativi nella struttura sanitaria sono finiti.

Nell’ospedale in cui l’infermiera lavora ci sono 118 pazienti affetti da Coronavirus, di cui 40 sono in rianimazione. «Sono svegli, senza sedativi, intubati, con le mani legate al letto e ci implorano di non farli morire», ha detto l’infermiera che ha preferito rimanere anonima.

Successivamente è arrivato anche il commento di Aureo do Carmo Filho, medico di terapia intensiva. L’uomo ha detto che «La ventilazione meccanica senza sedativi è una vera forma di tortura per il paziente».

Sono anche altri gli operatori sanitari che hanno raccontato quello che sta attualmente succedendo all’interno degli ospedali in cui lavorano. Un’altra infermiera che lavora in un altro ospedale della capitale brasiliana, il Sao Josè, ha spiegato che alcuni dei 125 pazienti Covid sono morti proprio perchè mancavano i sedativi da somministrargli.

«Non abbiamo farmaci, non abbiamo sedativi per i pazienti in terapia intensiva e purtroppo molti di loro non ce la fanno. Noi operatori sanitari assistiamo disperati, piangendo, perché non possiamo fare nulla. Non abbiamo siringhe, non abbiamo nemmeno gli aghi», ha raccontato l’infermiera al sito G1.

Covid in Brasile: ancora molti decessi

In Brasile continuano a crescere i decessi causati dal Covid. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 3.459 decessi causati dalla pandemia di Covid-19. Sono state superati i 360.000 morti dall’inizio della pandemia e pare proprio che quella attuale sia la fase peggiore stando a quanto riportato dal Governo brasiliano.

Nel corso degli ultimi tre giorni sono stati registrati 8.747 morti a causa del Coronavirus e la pandemia continua a diffondersi senza sosta nel Paese. Secondo quanto riportato dal Ministro della Salute nelle ultime 24 ore ci sono stati nuovi 73.513 contagi. Il totale delle persone che si sono ammalate di Covid raggiunge quindi quota 13.673.507.