Covid-19: morto in Grecia un neonato di 37 giorni

Covid-19: morto in Grecia un neonato di 37 giorni

Ha fatto il giro del mondo la notizia del neonato di 37 giorni che ha perso la vita in Grecia a causa dell’infezione da Coronavirus.

L’intera Grecia è in lutto per la morte del neonato di 37 giorni che non è riuscito a sconfiggere il Covid-19 con cui stava combattendo da giorni. Il piccolo risulta essere la più giovane vittima di Coronavirus nella nazione ellenica. Il bimbo era stato ricoverato presso l’ospedale pediatrico ateniese Agia Sofia da oltre 10 giorni e le sue condizioni erano così critiche da trovarsi attaccato a un respiratore.

Grecia: morto di Covid un neonato di 37 giorni

La morte del neonato di 37 giorni in Grecia ha colpito duramente la sua nazione, ma ha lasciato senza parole anche tutto il resto del globo. La tragica notizia è stata riportata dall’Agenzia Stampa greca Ana-Mpa e poi è immediatamente rimbalzata sui principali mezzi di comunicazione del mondo. La scorsa settimana, Vassilis Kikilias, Ministro della Sanità, aveva dato risonanza alla notizia di un neonato in condizioni molto gravi a causa dell’infezione da Coronavirus.

«Sto seguendo quotidianamente, dal 19 febbraio, lo stato di salute di un bambino di soli 24 giorni, ricoverato nell’unità di terapia intensiva. È un’anima piccola, innocente, che combatte per la vita, i medici fanno quello che possono e desideriamo che tutto vada bene», ha spiegato il Ministro della Salute della Grecia. Purtroppo però le condizioni del piccolo si sono aggravate e non è riuscito a sopravvivere all’infezione di Covid.

Stando a quanto riferito dai media ellenici, il neonato non era affetto da patologie pregresse e molto probabilmente sarebbe stato contagiato dal virus SARS-COV-2 pochi giorni dopo essere nato. Il bimbo ha sviluppato da subito gravi difficoltà respiratorie acute e anche polmonite.

L’emittente greca ERT ha spiegato che probabilmente il piccolo è stato contagiato dal Covid-19 dai suoi genitori oppure dai fratelli maggiori. Infatti, tutti i familiari sono risultati positivi al Coronavirus dopo essere stati sottoposti al test e risultano essere tutti asintomatici e quindi in perfetto stato di salute.

Covid-19 nei neonati: quanto sè pericoloso?

Secondo quanto emerge dagli studi effettuati fino a questo momento sul Covid in età pediatrica, è emerso che i più piccoli possono ammalarsi di Coronavirus, ma di rado contraggono delle forme gravi di SARS-COV-2. Non è affatto frequente che i piccoli malati sviluppino una condizione conosciuta come sindrome infiammatoria multisistemica.

Proprio come avviene anche nel caso delle persone adulte, è essenziale comunque non sottovalutare il virus nemmeno per quanto riguarda i bambini. I genitori dovrebbero infatti fare di tutto per evitare di portare a casa il Covid rischiando di contagiare in questo modo anche i propri figli molto piccoli.

Gli esperti suggeriscono di prestare la massima attenzione e di indossare sempre la mascherina oltre che mantenere la distanza interpersonale. Fondamentale anche lavarsi le mani di frequente o igenizzarle con soluzioni alcoliche, oltre che evitare di toccare occhi, naso e bocca con le mano non lavate.