Autore: Elisa Cardelli Ceroni

Coronavirus

Covid-19: la situazione del mondo - 15 febbraio 2021

Secondo l’ultimo aggiornamento della John Hopkins University, il numero di contagi è arrivato a quota 27.574.201. Vediamo quali sono le ultime novità dal mondo.

Nel corso della giornata di ieri si è registrato un ulteriore aumento di casi di Covid-19 in tutto il mondo. Stando ai dati riportati dalla John Hopkins University, i contagiati complessivi risultano essere 27.574.201 e il numero di vittime totali ha raggiunto quota 484.200. Vediamo quali sono le principali novità del mondo sulla situazione Coronavirus.

Australia: quarantena per chi arriva dalla Nuova Zelanda

L’Australia ha imposto l’obbligo di quarantena per gli arrivi dalla Nuova Zelanda. A rendere nota questa notizia è stato il dipartimento della Sanità dell’Australia. Questa decisione è stata presa a seguito della notizia di tre nuovi contagi trasmessi localmente ad Auckland. I viaggiatori che provengono dalla Nuova Zelanda dovranno quindi fare 14 giorni di quarantena in uno degli hotel predisposti dal governo australiano proprio a questo scopo.

In Nuova Zelanda, il primo ministro Jacinda Ardern ha disposto un lockdown di livello 3 ad Auckland dopo che sono stati scoperte tre persone positive della variante inglese del Covid. Queste restrizioni saranno in vigore per tre giorni mentre nel resto della nazione è stato disposto un lockdown di livello 2.

Perù: si è dimessa la ministra degli Esteri

Elizabeth Astete, ministra degli Esteri del Perù, ha deciso di dimettersi a seguito dello scandalo dei vaccini contro il Coronavirus che è scoppiato nel Paese. Alcuni esponenti del Governo sono infatti stati protagonisti di un vero e proprio scandalo in quanto si sono fatti vaccinare in segreto prima della vaccinazione degli operatori sanitari.

L’ex ministra degli Esteri ha ammesso su Twitter di essere stata vaccinata nel corso del mese scorso e ha aggiunto che questo è stato un errore molto grave assicurando di non aver ricevuto la seconda dose. Ricordiamo che anche Pilar Mazzetti, ministra della Salute, si è dimessa nel corso della scorsa settimana a seguito di alcune rivelazioni secondo cui la ministra avrebbe ricevuto il vaccino cinese Sinopharm a ottobre.

Iraq: chiusi i luoghi di culto

In Iraq le autorità hanno deciso di chiudere tutti i luoghi di culto tra cui anche le moschee. Questa decisione è stata presa allo scopo di contenere il numero di nuovi contagi e proprio per questo il Governo ha imposto anche la sospensione dei matrimoni e dei funerali. Le autorità hanno anche rinnovato l’obbligo di utilizzare mascherine nei luoghi pubblici.

In un comunicato apparso si Twitter, il Governo ha anche disposto un «coprifuoco totale il venerdì, sabato e domenica di ogni settimana dal 18 febbraio 2021 e un coprifuoco parziale tra le 20:00 e le 5:00 il lunedì, martedì, mercoledì e giovedì, fino all’8 marzo 2021».

Regno Unito: quarantena per chi arriva da Paesi a rischio

Nel Regno Unito è stata imposta la quarantena obbligatoria per coloro che tornano nel Paese dopo essere stati in una delle 33 nazioni inserite dal Governo tra le zone ad alto rischio. Attualmente ci sono 16 hotel che hanno messo a disposizine un totale di 4.963 camere in cui verranno ospitati gli arrivi dall’estero per il periodo di quarantena. Leggi anche: Covid: in Germania lockdown esteso fino al 7 marzo